SIENA NOTIZIE NEWS

IL COMITATO DICE NO AL NUOVO PONTE SULLA CASSIA A BUONCONVENTO

News inserita il 02-08-2018

I cittadini di Buonconvento hanno da poco terminato un processo partecipativo che ha portato alla definizione del progetto di un parco fluviale sulle sponde dell’Ombrone e la Regione propone un progetto di un nuovo ponte sulla Cassia, un’opera infrastrutturale che ha pesanti impatti ambientali e paesaggistici e che, di fatto, non tiene in considerazione i risultati del processo partecipativo "OSIAMO! Verso il Contratto di fiume Ombrone", finalizzato a definire le basi per formulazione di linee guida e visioni strategiche per la definizione di un Contratto di Fiume tra soggetti pubblici e privati nel bacino idrografico dell’Ombrone. Il percorso, attivato nel novembre del 2017 grazie al contributo dell’Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione (APP) della Regione Toscana con il sostegno del Laboratorio Regional design dell'Università di Firenze, Dipartimento di Architettura, è stato coordinato da uno staff di professionisti nel campo partecipativo e dei Contratti di Fiume. Il processo ha visto partecipare centinaia di cittadini, associazioni, enti locali e sovralocali e ha riunito attorno a un tavolo di garanzia enti a tutti i livelli: Autorità di Bacino Distrettuale Appennino Settentrionale, Regione Toscana (Assessorato Ambiente e difesa del suolo e Settore Genio Civile Toscana Sud), Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud, Provincia di Siena, nonché diversi enti di ricerca (Università degli Studi di Firenze e Siena, CIRF - Centro Italiano Riqualificazione Fluviale), scuole e associazioni locali del territorio (Terramare Grosseto, WWF, Associazione Prosasso Ombrone Cinigiano). Idee, proposte, esigenze e le molte informazioni raccolte hanno portato alla definizione di un documento di intenti finale preliminare all’attivazione del Contratto di fiume Ombrone e, a livello locale, del progetto partecipato (masterplan) di un parco fluviale alle porte della mura medioevali di Buonconvento con percorsi lungo gli argini, spazi giochi per i ragazzi, aree per la sosta e un’accessibilità al paese attraverso il consolidamento dell’attuale ponte sulla Cassia e l’affiancamento allo stesso di un percorso ciclopedonale che permetta di attraversare il fiume in sicurezza sia per i cittadini che si recano al cimitero e in località Osteria, sia per i pellegrini della Francigena. Nell’evento pubblico tenutosi l'11 aprile a Buonconvento, finalizzato a discutere le progettualità infrastrutturali locali, è emerso il fatto che la Regione stava progettando un nuovo ponte sulla Cassia, alternativo al consolidamento del ponte attuale, e che si aggiunge quindi ai due esistenti (il ponte stradale e quello ferroviario della linea Siena-Buonconvento), ma nell’ambito del processo partecipativo non sono emerse ulteriori informazioni circa questo nuovo progetto. A seguito di un incontro con l’Assessore Regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli avvenuto in data odierna, abbiamo appreso che ANAS, quale nuovo ente di competenza in materia, sta acquisendo dal settore infrastrutture della Regione un progetto per un nuovo ponte la cui
soluzione tecnica sembra obbligata da vincoli e restrizioni normative che non permettono altre alternative.

Considerato che l’unica opportunità di tracciato possibile sembra essere quella che interessa l’attuale parco giochi e campo sportivo vecchio per approdare prima dell’abitato di Osteria, la prima impressione è sicuramente che la realizzazione di un nuovo ponte DISATTENDE MOLTE ESIGENZE emerse nel processo partecipativo effettuato fino ad oggi. Aspetti come la sostenibilità, l'integrazione con il paesaggio, l'impatto ambientale, la mobilità dolce per il raggiungimento del Cimitero e la zona dell'Osteria, la riqualificazione e valorizzazione ambientale, il valore identitario dei luoghi interessati dal progetto, sembrano essere ignorati nella soluzione tecnica prefigurata.

In vista di una prossima Conferenza dei servizi istruttoria per il progetto preliminare, il Comitato per la Valorizzazione del Paesaggio e dell'Ambiente di Buonconvento, quale portavoce di una progettualità frutto di un lungo confronto fra cittadini e amministratori, e promossa e finanziata dalla stessa Regione Toscana,

DICE NO AL PROGETTO DI UN NUOVO PONTE SULLA CASSIA e CHIEDE che si apra un dialogo con gli enti interessati al fine di:

-fornire ai cittadini di Buonconvento adeguate informazioni in merito all’opera infrastrutturale in progetto e al quadro dei vincoli e delle costrizioni tecniche, anche attraverso la presentazione pubblica del progetto

-attivare un approccio integrato tra i settori della Regione che hanno predisposto il progetto del nuovo ponte e quelli che hanno seguito il processo partecipativo OSIAMO!

-trovare un equilibrio tra le esigenze di mitigazione del rischio idraulico e quelle di valorizzazione dell’identità locale e del contesto storico culturale del Borgo di Buonconvento

-accogliere le istanze della popolazione di Buonconvento, emerse nel processo partecipativo, sintetizzate nel masterplan del parco fluviale e portate al Comune e alla Regione dal Comitato per la Valorizzazione del Paesaggio e dell’Ambiente di Buonconvento

Per visualizzare i risultati del processo partecipativo si rimanda a: http://open.toscana.it/web/osiamo-verso-un-contratto-di-fiume-per-ombrone/home

https://www.facebook.com/OsiamoversoilcontrattodifiumeOmbrone/

 

Galleria Fotografica

Web tv