SIENA NOTIZIE NEWS

PALIO DI BUTI: IL BIS DI GAVINO SANNA PER SAN ROCCO

News inserita il 21-01-2019

Il jockey sardo sul forte Qui Pro Quo apre la stagione paliesca 2019.

E’ stato il palio dei déjà vu: stesse batterie del 2018, stessa finale ed identico esito. Questo, in sintesi, ciò che è accaduto ieri pomeriggio a Buti, nell’overture della stagione paliesca 2019, che ha visto nuovamente uscire vittorioso Gavino Sanna per i colori di San Rocco sul forte Qui Pro Quo, cavallo della scuderia di Luca Anselmi che ha interrotto così l'egemonia dei targati Clodia, vincitori nelle due precedenti edizioni disputate con i mezzosangue. Nulla da fare per la favorita della vigilia, la nonna Ascensione, alla fine seconda al traguardo, che deve ancora rimandare i sogni di vittoria, assente ormai da 14 anni, e che esce con la bocca ancor più amara per aver visto vincere quel cavallo con il quale, solo due anni fa, non era riuscito a centrare l’obiettivo. Come detto, le batterie, estratte a sorte domenica scorsa, ricalcavano esattamente, anche se in ordine invertito, quelle del 2018 così, nella prima, scendevano in pista Pievania (Simone Fenu su Violenta da Clodia), San Rocco (Gavino Sanna su Qui Pro Quo) e La Croce (Michael Putzu su Tiepolo). E’stata questa la batteria delle polemiche in quanto, durante i tentativi di partenza, si è registrata la caduta di Simone Fenu, con Violenta da Clodia che è fuggita in libertà lungo il percorso. E  mentre si tentava di riprendere la cavallina che nello scorso ottobre difese sul Campo i colori del Nicchio, i contradaioli di Pievania contestavano il mossiere Luciano Gigliotti, reo secondo loro di non aver sganciato in tempo il laccio di partenza. Dopo alcuni minuti di discussione, gli organizzatori, anche per permettere un controllo veterinario su Violenta, hanno deciso di posticipare l’effettuazione della batteria dopo la disputa della seconda. Una volta che cavalli e fantini sono ritornati ai canapi, la mossa è stata rapidissima. San Rocco e La Croce hanno preso il comando e tra i due fantini c’è stato una breve ma intensa lotta a suon di gomiti per difendere la posizione. San Rocco è poi sfilato in testa, mentre, da dietro, iniziava la progressione di Pievania, che da prima insidiava La Croce all’esterno, poi si buttava per linee interne. Emozionante il finale con tre cavalli piombati simultaneamente sul palo di arrivo e che, solo il fotofinish, dopo diversi minuti di incertezza, ha saputo separare. La vittoria, con tanto di accesso in finale, è andata a San Rocco, il secondo posto, che ammetteva ai recuperi, a Pievania. La seconda batteria, divenuta poi la prima effettivamente corsa, vedeva come protagonisti San Nicolao (Sandro Gessa su Ubert Spy), Ascensione (Marco Monteriso su Umatilla) e San Michele (Adrian Topalli su Spartaco da Clodia) e si è conclusa con la netta affermazione di Ascensione che, subito dopo la partenza ha preso la testa per poi allungare e concludere quasi rallentando, lasciandosi alle spalle San Nicolao, che difendeva senza neppure troppa sofferenza il secondo posto da San Michele, e che si guadagnava così il posto nella batteria di recupero assieme a Pievania ed a San Francesco che, con Cristiano di Stasio e Dioniso da Clodia, che sabato sera era stato scelto in sostituzione di Ribelle da Clodia, era il “Signore del Palio”. La mossa di questa batteria non è stata bellissima, con Pievania che ha preso il tempo agli avversari e San Nicolao rimasto leggermente attardato, forse ingannato dal mossiere che, allo sgancio dell’elastico ha urlato “no” per poi convalidare la partenza. La corsa non ha poi avuto storia con Pievania che ha concluso facilmente nei confronti di San Francesco che per il secondo anno consecutivo non ha tratto benefici dall’essere “Signore”, mentre San Nicolao ha fermato.

La finale, la stessa di un anno fa, è stata preceduto da una mossa laboriosa, con molte partenze false ed alcune ammonizioni ai fantini. Quando ormai le ombre della sera erano calate su Buti, ecco il via valido. Pievania è stata la più lesta a scattare, ma dopo pochi metri San Rocco era già in prima posizione. Ascensione, non partita benissimo, una volta guadagnata la seconda posizione sulla calante Pievania, non si è data per vinta: Marco Monteriso, con la sua immensa esperienza di top jockey internazionale ha provato in tutti i modi a prendere la testa, ma Gavino Sanna ha fatto buona guardia, chiudendo ogni varco all’avversario e concludendo per il secondo anno consecutivo a frusta alzata.

Davide Donnini

Foto tratta dalla pagina Facebook della contrada San Rocco.

 

Galleria Fotografica

Web tv