LUNEDÌ BASKET: COLPI PESANTI DI VIRTUS E MENS SANA. TONFO INTERNO DEL COSTONE

News inserita il 05-12-2022 - Sport Siena

Due vittorie per le senesi di C Gold.

Undicesimo turno di serie C Gold piuttosto positivo per le squadre senesi che portano a casa due successi.

Torna a rivedere le stelle la Virtus che fa la voce grossa a Quarrata, passando per 78-66 sul campo di una delle squadre più in forma del momento reduce da cinque successi consecutivi, l’ultimo dei quali (contestatissimo dai padroni di casa), sul parquet di Cecina. La Stosa Cucine, pur prova di Cacciatori e Ricciardelli e con Olleia in precarie condizioni fisiche causa influenza, non è ricaduta negli errori che avevano provocato le recenti sconfitte ed ha dominato l’incontro, allungando, nel secondo quarto, grazie ad una superba difesa. Bartoletti, Caridi e Calvellini hanno propiziato il break decisivo che i padroni di casa non sono stati in grado di ricucire. Nell’ultimo quarto, la Virtus si è portata fino al +17; nei minuti conclusivi, complice un fisiologico rilassamento dei senesi, Quarrata è riuscita a rendere meno duro il passivo. Successo di spessore anche per la Mens Sana, vittoriosa tra le mura amiche contro la Synergy Valdarno per 89-82. I biancoverdi hanno indirizzato il match nel corso del primo tempo: la “sparatoria” dai 6.75 (10/15 all’intervallo) ha portato la Mens Sana negli spogliatoi sopra di 16, con ben 56 punti a referto. Solo nel finale, con la spia della riserva mensanina accesa, la Synergy si è riportata fino al -4 a 2’30” dalla fine ma, grazie a Menconi e Iozzi, i due punti sono rimasti al Pala Estra. Non vede la fine, invece, la crisi del Costone, incappato in una pesante sconfitta interna contro Cecina. Che quella di ieri sarebbe stata una Mission impossible per gli uomini di Fattorini, era cosa nota; nessuno però si poteva immaginare un tracollo così severo. Sin dal primo quarto, Cecina ha banchettato su una sempre più incerottata Vismederi ed alla prima sirena (10-30 il parziale) tutto era già deciso. I restanti 30 minuti sono stati un lento percorso sino alla sirena finale e l’impietoso 57-97 impresso sul tabellone la dice lunga sulla estrema differenza dei valori in campo. Nelle parti nobili della classifica, se Spezia fa un sol boccone di Lucca (89-58) e Prato si impone di autorità ad Arezzo per 78-66, Castelfiorentino rischia la frittata in casa contro una volitiva Agliana. Sempre nettamente avanti nel punteggio, l’ABC subisce la rimonta degli ospiti che con un parziale di 4-21 chiudono il terzo quarto a -7, divenuto -1 a 4’ dalla fine con un gioco da 3 di Zita. L’ attacco aglianese si è però bloccato sul più bello, Nepi e Belli hanno alla fine fissato il risultato sul definitivo 75-70. Vince ancora l’Olimpia Legnaia: stavolta a cedere il passo al Pala Filarete è stata Altopascio, 76-71 il finale, in una gara condotta per larghi tratti dai fiorentini, ma rimessa in discussione negli ultimi 5 minuti, quando Altopascio si è portata sul +5. A quel punto, è salito in cattedra Merlo che con 10 punti quasi consecutivi ha condotto i suoi al successo. Da segnalare, tra i fiorentini, la buona prestazione dell’ultimo arrivato, Radchenko, ala ucraina classe 2001, autore di 14 punti in 16 minuti di impiego, e che già domenica scorsa contro la Virtus aveva mostrato tratti di buon basket. Nello scontro di bassa classifica, Valdisieve ha interrotto la striscia di 4 ko di fila, imponendosi 85-75 sul campo del Don Bosco Livorno, al termine di un incontro già messo in ghiaccio da Occhini e compagni al termine del primo tempo.

Domenica prossima sarà nuovamente tempo di derby: al Pala Perucatti si sfideranno una Virtus rinfrancata dopo l’importante successo di Quarrata ed un Costone in piena emergenza. Il pronostico sembra pendere tutto dalla parte dei padroni di casa, ma dalle parti di Piazzetta Don Perucatti hanno ben imparato (Mens Sana docet) che nelle stracittadine non c’è nulla di scontato. Prima del derby, la formazione rossoblù dovrà affrontare un’altra gara importante, il quarto di finale di Coppa Toscana ad Arezzo in partita secca. La vincente si qualificherà per le final four previste a gennaio; palla a due mercoledì alle 21. Insidiosa trasferta per la Mens Sana, impegnata sul parquet di Agliana

 

 

Galleria Fotografica

Web tv