POGGIBONSI, SORPRESO CON UN COLTELLO IN AUTO, FERMATO UN 28ENNE RUMENO

News inserita il 07-10-2015 - Cronaca Siena

Giornata di pattugliamenti in Valdelsa da parte degli agenti di Polizia.


Intensa giornata quella di ieri per gli uomini dell’Ufficio Controllo del Territorio del Commissariato  di Pubblica Sicurezza di Poggibonsi.
Nel primo pomeriggio, gli operatori della Volante del capoluogo della Val d’Elsa, coordinati dal dirigente dell’Ufficio dr. Gianluigi Manganelli, transitando in via San Gimignano, hanno notato un’autovettura ferma in un’area di sosta con due uomini a bordo. I due individui, al passaggio della Volante, hanno assunto un atteggiamento sospetto, prima tentando di nascondersi nell’abitacolo e poi uscendo repentinamente dal veicolo da cui si allontanavano velocemente.
I poliziotti hanno quindi deciso di fermare e controllare i due uomini che sono stati identificati in un 28enne ed un 35enne di nazionalità rumena, residenti in Tavernelle Val di Pesa (FI). Il primo, trovato alla guida dell’autovettura, con targa rumena, è risultato gravato da precedenti di polizia per reati contro la persona.
I poliziotti hanno quindi proceduto a controllare l’autovettura all’interno della quale, nascosto nel vano porta oggetti dello sportello lato guidatore, è stato ritrovato un coltello a  serramanico della lunghezza complessiva di 20 centimetri.
L’autista dell’auto non ha fornito motivazioni valide circa la presenza dell’arma nel veicolo e pertanto i poliziotti hanno proceduto alla sua denuncia per il reato di porto di oggetto atto ad offendere in luogo pubblico senza giustificato motivo e sequestravano il coltello.
Ripresa la normale attività di controllo del territorio, intorno alle 17,40, su disposizione della Sala Operativa, la Volante è giunta presso la Stazione Ferroviaria di Poggibonsi.
Arrivati sul posto, gli operatori hanno preso contatti con il capo treno di un convoglio fermo in stazione, il quale ha segnalato la presenza di alcuni cittadini stranieri che erano saliti sul treno privi del titolo di viaggio.
I poliziotti, saliti a bordo del treno ed individuato il gruppo di passeggeri non autorizzati, li ha convinti a scendere ma, mentre la maggior parte di essi, pur contrariati, non hanno opposto resistenza, uno di essi, in particolare, ha tentato ripetutamente di sottrarsi al loro controllo, tentando anche di risalire nel treno.
L’uomo – che ha dichiarato di essere senegalese ma ha rifiutato di fornire altre indicazioni sulle proprie generalità -, nonostante i vari tentativi messi in atto dagli Agenti di calmarlo, non ha desistito dal suo comportamento; essendo privo di documenti di identità, è quindi stato accompagnato in Questura per la completa identificazione.
Lo straniero, anche di fronte al personale della Polizia Scientifica, ha continuato nel suo atteggiamento non collaborativo e provocatorio e pertanto, dopo le procedure di foto segnalamento, è stato deferito dai poliziotti alla competente A.G. per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire indicazioni a pubblico ufficiale sulla propria identità personale.

 

Galleria Fotografica

Web tv