CANTIERE CON LAVORATORI IN NERO A MONTEPULCIANO, PROPOSTA LA SOSPENSIONE

News inserita il 28-09-2022 - Attualità Siena

Pesante sanzione pecuniaria nei confronti del titolare dell'attività

guardia finanza montepulciano siena

Nei giorni scorsi una pattuglia della Guardia di Finanza di Montepulciano, nel corso di un intervento in un cantiere edile, finalizzato al rispetto della sicurezza nei luoghi di lavoro, si è imbattuta in tre lavoratori intenti a svolgere le proprie mansioni “in nero”.

I militari hanno trovato, presso il cantiere, 10 operai intenti a lavorare presso una struttura, di cui 3, in seguito dei controlli prontamente effettuati anche grazie alle banche dati dei finanzieri, essere in stato di irregolarità lavorativa, previdenziale ed assicurativa.

La posizione è stata comunicata all'Ispettorato Territoriale del Lavoro che provvederà all’irrogazione, oltre che di una pesante sanzione pecuniaria nei confronti del titolare dell’attività, anche alla sospensione dell’attività ai sensi dell’art. 14 del D.Lvo 81/2008.

L’azione dei finanzieri rientra in un più ampio piano del Comando Provinciale di Siena volto ad individuare situazioni di sfruttamento di manodopera che, oltre a costituire una grave forma di concorrenza sleale nei confronti degli operatori economici onesti e rispettosi della legalità (alterando così le regole stesse del mercato ed introducendo fattori degenerativi che stravolgono i normali rapporti economici), rappresentano principalmente un danno in capo ai lavoratori stessi, ai quali, infatti, non vengono riconosciuti i più basilari diritti previsti dalla legge.

Il lavoro nero è piaga per l’intero sistema economico perché sottrae risorse all’erario, mina gli interessi dei lavoratori, spesso sfruttati, e consente una competizione sleale con le imprese oneste.

 

Galleria Fotografica

Web tv