SIENA NOTIZIE NEWS

RUGBY: RICOMINCIA LA STAGIONE DEL CUS SIENA RUGBY

News inserita il 11-09-2015
Si Ricomincia – Voglia di Rugby
Preparazione sportiva.
La nuova stagione per la nostra Banca Cras CUS Siena
rugby sembra proprio iniziata!!! Dopo due settimane
di allenamenti i ragazzi delle nostre giovanili sono stati
convocati al ritiro immersi nei boschi della
Montagnola in un campeggio a Sovicille, in una bella e
verde struttura che ci ha ospitato.
Le categorie Under 14 Under 16 e Under 18 hanno
partecipato tutti insieme a questa due gironi piena di
rugby, iniziando sabato mattina di buon ora, subito
allenamenti e attività motorie con la presenza di tutti
gli allenatori delle categorie, i quali hanno sfruttato
questo evento per trasmettere al meglio le varie
nozioni rugbistiche di preparazione all’inizio dei
campionati.
Bravi anche i nostri atleti che hanno dimostrato buona
concentrazione e ottima grinta, un buon inizio, anche
se la stagione è lunga e un po' in salita, ma a noi
piacciono le sfide e soprattutto quelle più difficili.
Due ottime giornate, anche il buon Dio del rugby ci ha
risparmiato dalle piogge, i ragazzi si sono divertiti e
hanno fatto gruppo, sono bellissime esperienze che
rimarranno bene impresse nei loro ricordi.
Durante il ritiro c’è stato anche un incontro con Luca
Beccaris, giocatore del Rugby Calvisano, campione
d’Italia, che ha intrattenuto i ragazzi raccontando la
giornata tipo di un rugbysta professionista e aneddoti
legati al mondo del rugby di alto livello, e rispondendo
convivialmente alle domande dei ragazzi.
Pietro Angelini, direttore tecnico delle giovanili del Cus
Siena Rugby
, commenta cosi l’evento di Sovicille: “Un
fine settimana splendido! I ragazzi hanno trascorso
due giorni ricchi di rugby e non solo. In accordo con
tutto lo staff tecnico abbiamo organizzato oltre che
allenamenti , anche attività ludiche permettendo così
una maggiore coesione e divertimento, un
ringraziamento speciale va fatto a tutti i genitori che ci
hanno permesso di passare due giorni fantastici
aiutandoci in tutta l'organizzazione dell'evento”.
Come commenta Angelini, grazie agli organizzatori
dell'evento, senza i quali non potremmo far vivere ai
giovani tali momenti, e un ringraziamento ai genitori
che, come sempre, sono disponibili a far partecipare i
propri ragazzi ai nostri appuntamenti.
Mirko Fedolfi

Al Sabbione piove sul bagnato... ma a noi ci garba il fango!
(anonimo rugbysta)
Domenica 6 settembre, una giornata di lavori dopo la
bomba d’acqua che d’agosto aveva inondato la citta e
distrutto le nostre “povere cose” al sabbione.
Dalle foto ricevute tutto appariva distrutto e bagnato
come solo in televisione avevamo visto durante i
servizi sulle alluvioni. L’animo non era dunque dei
migliori, ma il passaparola e i vari messaggi,
chiamavano comunque a raccolta quanti più
volenterosi possibile per dedicare la giornata alla
penosa raccolta delle poche cose rimaste intatte ed al
triste inventario dei materiali e suppellettili da
buttare.
Viste le premesse, l’appuntamento non sembrava
colmo di gioia come sempre accade nei nostri eventi,
anzi, il passo dei volenterosi lungo la salita somigliava
più ad una mesta processione, che ad un ritrovo tra
amici.
Per fortuna, però, già ad un primo esame i nostri
amati ed ombrosi gazebo non risultavano gravemente
“feriti” e con una generosa dose di viti e sapienti
riparazioni, i nostri esperti “ingegneri” hanno ridonato
alle strutture il loro ... splendore, cosicché quanto fino
a poco prima sembrava irreparabile, ora riprendeva la
forma e l’utilità di sempre.
Ma non è finita quì; vista la grande risposta di tutti
(allenatori, mamme, accompagnatori e pure bambini
del minirugby) è stato deciso di tramutare la giornata
in una grande opera collettiva di restauro e pulizia.
Già verso la fine della mattina tutto il sabbione
brulicava di tante piccole formiche operose che,
approfittando della bella giornata di sole si sono
industriate nel risistemare tutta la zona esterna, il bar
e quel Sancta Santorum del rugbista che è la nostra
“Clebbhause”: posto tanto amato per le nostre cene,
quanto colmo di aggeggi e cimeli, che nemmeno nel
più strambo magazzino di un collezionista compulsivo
potrebbero trovare asilo.
A scanso di equivoci anche il braciere ed i fornelli,
hanno ricevuto la loro verifica funzionale, (non sia mai
che non funzionino!) e così, passando le ore, ci siamo
ritrovati a tavola a festeggiare la giornata contornati
dal piacevole odore della brace e dalle urla festanti dei
bambini che approfittavano del campo di gioco per
giocare con la nostra palla “stramba” o con i castelli di
sabbia a bordo campo.
Tutto il lavoro è continuato fino al tardo pomeriggio e
il nostro mondo è rinato come un’araba fenice; più
bello, pulito ed ordinato. Abbiamo lasciato il campo
contenti e sollevati per aver scampato quello che, in
un primo momento, poteva essere considerato un
colpo letale alle nostre scarse risorse e a quella
fatiscente struttura che riusciamo a tenere in piedi
solo grazie alla tanta passione di quei volenterosi che,
come le formichine della fiaba, si apprestano ad
affrontare il lungo inverno.
Un saluto ed un ringraziamento a tutti, a chi è venuto
ed a coloro che comunque erano impegnati in altri
eventi contemporanei del Rugby senese.
Adesso ci attende un’altra stagione di soddisfazioni,
lunedì 14 tutti in campo: riparte il minirugby!

Manfredi Musmarra

 

Galleria Fotografica

Web tv