SIENA NOTIZIE NEWS

LEGA NORD TOSCANA SULL'ALLUVIONE IN VALDARBIA

News inserita il 27-08-2015
Senza stare a trincerarsi dietro la scusa dell'eccezionalità delle piogge che hanno colpito la Val d'Arbia nei giorni scorsi, è disarmante e semplicemente ridicolo assistere al teatrino messo in piedi dopo questa tragedia dai vari Enti (Comuni, Provincia, Regione), tutti amministrati dal PD. Evidentemente, con questo rimpallo di responsabilità a dir poco offensivo, qualcuno vuole che ancora una volta gli abitanti di Buonconvento e degli altri comuni della Val d'Arbia siano costretti a contare solo ed esclusivamente sulle loro forze.

Quando dicevamo, all'indomani del disastro, che sono palesi le responsabilità del Partito Democratico e dei suoi amministratori di tutti i livelli, avevamo ragione. Quali interventi hanno deciso di mettere in atto gli Enti locali dall'alluvione 2013 ad oggi? Perché, a Buonconvento, non sono partiti i lavori delle saracinesche, che dovevano iniziare a giugno? Lo stesso dicasi per gli argini, i lavori del guado e le casse di espansione.

Ci auguriamo che la Magistratura apra quanto prima un'inchiesta ed in questo caso appoggiamo appieno l'esposto che presenterà nei prossimi giorni il Capogruppo dell'opposizione in Consiglio comunale a Buonconvento, Fabio Papini.

Nel frattempo, però, come già ribadito nei giorni scorsi, ci auguriamo che da parte di Sei Toscana si cerchi di venire incontro alle esigenze del territorio e dei suoi abitanti: non solo, come abbiamo chiesto, con l'esenzione dal pagamento della TARI i cittadini e le imprese colpite dall'alluvione, ma anche provvedendo a rimuovere a titolo completamente gratuito le macerie ammassate da chi ha visto i propri beni distrutti dall'alluvione.

La Lega ha già provveduto a contattare, oltre ai nostri sei Consiglieri regionali, anche il Capogruppo al Senato, Gianmarco Centinaio, per chiedere l'intervento del Governo. Nello specifico la Lega chiederà non solo dei provvedimenti improvvisati sull’onda delle calamità che lasciano il tempo che trovano, ma, con carattere di certezza, un quadro giuridico stabile di riferimento che comprenda tutte le agevolazioni riconosciute quando si verifica una calamità, prevedendo anche che, alla fine del periodo di sospensione, i pagamenti ormai accumulatisi possano essere automaticamente dilazionati senza oneri. Allo stesso tempo chiederemo al Governo se intenda o meno prorogare la sospensione del versamento degli adempimenti tributari nelle aree colpite dagli eccezionali eventi atmosferici dei giorni scorsi, estendendola anche a quelli contributivi, e se intenda mettere a punto un sistema di dilazionamento o cancellazione delle cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione nel corso del 2015 nei confronti dei soggetti presenti sul territorio della Val d'Arbia. Invece di parlare a vanvera, al governo cancellino i vincoli del patto di stabilità per consentire agli enti territoriali di spendere i soldi in cassa per fare le opere di manutenzione e prevenzione. Stanzino adeguate risorse - che al momento fanno solo parte degli annunci di Renzi - sia per finanziare i progetti di difesa del suolo che molti enti hanno già predisposto sia per incrementare il fondo emergenze a disposizione della Protezione Civile. Infine, la Lega auspica che siano cacciati gli amministratori incapaci di  tutelare il territorio, a partire dal Presidente della Provincia Nepi, dall'ex Presidente (ora Consigliere regionale) Simone Bezzini, ai Sindaci di Buonconvento e Monteroni d'Arbia (quest'ultimo ex Assessore provinciale): chi ha taciuto o avuto evidenti responsabilità politiche e gestionali, dirette od indirette, che hanno portato a questa ennesima devastazione, deve pagare.

Lega Nord Toscana

 

 

Galleria Fotografica

Web tv