UN COSTONE FALCIDIATO DAGLI INFORTUNI CROLLA A FIRENZE CONTRO LEGNAIA

News inserita il 13-11-2022 - Sport Siena

Al Pala Filarete non c'è storia; Legnaia passa per 88-41.

Cade la Vismederi Costone che sul campo di Legnaia affonda 88-41. Nelle fila dei senesi continuano a pesare i tanti infortuni, che anche questa sera hanno tenuto lontano dal campo Terrosi e Ceccarelli e che hanno costretto a giocare Ondo Mengue e Silveira nonostante i rispettivi acciacchi. Questa sera i ragazzi di Fattorini non sono riusciti a impensierire quasi mai gli avversari, complice una difesa troppo poco compatta ed un attacco che non girava a dovere. La novità di questa partita, per i senesi, era rappresentata dalla presenza di Matteo Caroni (classe 2000), promosso dalla squadra di Promozione per provare a dare una mano a Banchi in cabina di regia.

Avvio subito in salita per i gialloverdi che si ritrovano sotto 6-0 già in apertura. I primi punti del Costone sono firmati da Alessandro Banchi, ma l’inerzia è ancora favorevole ai padroni di casa che si portano sul 12-2. Coach Fattorini chiama un time-out ma in uscita dal minuto è Merlo da tre che porta i suoi sul +13. Capitan Bruttini trova due canestri per il -9 ma Sakelliariu ricaccia indietro l’offensiva senese e trascina Legnaia fino al 26-9 in chiusura di quarto. Nel finale il Costone si guadagna quattro tiri liberi, dei quali ne va a segno solo uno. Il secondo quarto si apre col gioco da tre punti di Ondo Mengue e i canestri di Bruttini, ma Legnaia non si lascia intimorire: i padroni di casa lasciano pochi spazi in difesa e continuano a dimostrarsi più cinici in attacco grazie ai punti di Sekellariou che porta i suoi sul 34-17. Nei senesi sembra riuscire a trovare il canestro solo Bruttini, mentre gli avversari riescono a trovare risorse da tutti. Sul 44-20 sono Riboli e Del Secco che allungano ancora. A chiudere il quarto saranno i punti di Ricci e Banchi per il 51-23.

La seconda metà di gara è aperta ancora da 4 punti della squadra di casa che, come nei primi 20 minuti, appaiono in completo controllo della sfida. Bruttini prova a limitare i danni, ma, i padroni di casa non si scompongono. In questo frangente Angeli commette il suo quinto fallo che lo costringe ad abbandonare il campo sul 59-29. All’ultimo intervallo breve il tabellone indica 65-36. Nell’ultimo periodo di gioco, con la situazione ormai ampiamente compromessa, Legnaia continua a giocare ampliando ulteriormente il margine a suo favore

 

Galleria Fotografica

Web tv