SIENA NOTIZIE NEWS

TOGNAZZI SPINGE LA MENS SANA: “SAREMO PROTAGONISTI”

News inserita il 10-09-2021 - Mens sana

Nipote dell’indimenticato massaggiatore Fanetti: “Nonno Alvaro? Da lassù è felice di vedermi in biancoverde”

Vittorio Tognazzi (Mens Sana)

Tra i nuovi innesti biancoverdi, quello di Vittorio Tognazzi è una sorta di ritorno al futuro. Cresciuto nelle giovanili della Mens Sana, la guardia classe 1996 torna in viale Sclavo dopo aver giocato con Virtus, Certaldo e Costone, società quest’ultima per la quale ha militato per quattro stagioni.
Tognazzi, quali impressioni dopo una settimana di lavoro assieme ai suoi nuovi compagni?
“C’è un bel gruppo, il clima in palestra è ottimo. Conoscevo bene Pierfrancesco Binella, ma anche con i compagni di squadra l’intesa è stata subito molto positiva: lavoriamo ad alti ritmi, sin dai primissimi allenamenti, del resto per preparare una stagione impegnativa come quella che ci attende servono sacrifici”.
Che ruolo avrà in questa Mens Sana che punta molto sugli esterni?
“Abbiamo una struttura di squadra abbastanza definita, con molti giocatori sul perimetro chiamati a creare spazi oltre che a prendersi responsabilità, ma c’è pure un centro con caratteristiche classiche come Alessio Sabia che è reduce da una grande stagione e che sono convinto saprà dare un ottimo contributo in determinate situazioni. Personalmente spero di fare bene, ma il mio primo obiettivo è dare una mano alla squadra per vincere. Sono onorato del fatto che la Mens Sana mi abbia richiamato a indossare la maglia con la quale sono cresciuto e per la quale tifo da quando sono bambino”.
Suo nonno, Alvaro Fanetti, ha fatto la storia della Mens Sana…
“Purtroppo, e sottolineo purtroppo, di lui ho pochissime testimonianze dirette, giusto qualche flash, perché quando se n’è andato avevo solamente quattro anni. Provo però immenso piacere, questo posso dirlo, nel sentire i tanti tifosi e addetti ai lavori che continuano a parlarne con grande affetto e ne portano avanti il ricordo. Dentro di me sento che nonno Alvaro, da lassù, in questo momento è felicissimo del fatto che io sia tornato a indossare questa maglia e a giocare nella prima squadra della Mens Sana”.
Cosa si può dire sul prossimo campionato di C Silver?
“Che sarà molto diverso dall’ultimo disputato, perché nella prossima stagione torneremo alla formula del girone unico e di un calendario molto lungo. Rimarranno invece inalterati la competitività e l’equilibrio, la serie C è storicamente un campionato con valori molto livellati e non ci sono partite dal risultato scontato: lo conosco bene, questo per me è il sesto anno da senior anche se ho solo 25 anni e ho avuto la fortuna di disputare sia la C Gold che la C Silver”.
In un’ipotetica griglia di partenza, dove si colloca la Mens Sana?
“Per quello che sappiamo sulle altre squadre, vedo Fucecchio un passo avanti a tutti. Non scordiamoci però del Costone che sostanzialmente ha mantenuto la struttura di una stagione, la scorsa, in cui è arrivato alle semifinali. La Mens Sana potrà essere protagonista se tutti noi continueremo ad allenarci con lo spirito di questi primi giorni e a migliorare come già stiamo migliorando: sono convinto che diremo la nostra, anche se ribadisco che il campionato è difficile e molto lungo”.
Nessun avversario, in compenso, ha un pubblico come quello biancoverde…
“Vero. Per me magari, inizialmente, sarà una strana sensazione: non ho mai giocato davanti ad un tifo numeroso come potremmo avere qui al palasport seppur in presenza di una limitazione al 35% della capienza, credo comunque che una volta passata l’emozione si tratterà di un elemento assolutamente fuori categoria a nostro favore. Spero sia possibile giocare per tutta la stagione con gli impianti aperti al pubblico, l’ambiente che riescono a creare i tifosi della Mens Sana lo conosco e lo conosciamo bene: sono sempre stati il sesto uomo quando la squadra militava ad altissimi livelli, figurarsi in queste categorie”.
Matteo Tasso

foto tratta da pagina facebook Mens Sana Basketball Academy

 

Galleria Fotografica

Web tv