STORIA DEL PALIO: QUANDO SI CORSE IL 4 LUGLIO

News inserita il 03-07-2024 - Palio - Rubrica Storia del Palio

Tutte le carriere di Provenzano rinviate di due giorni.

18.03, bandiera verde. Per il secondo giorno consecutivo, Giove Pluvio ha fatto cadere i suoi strali su Siena e sul Palio che è ancora una volta rinviato.

Grazie alle statistiche del sito www.ilpalio.org, possiamo vedere che nella storia paliesca, sono 13 i precedenti di carriere corse il 4 luglio, ma non molte sono quelle rinviate per pioggia. Il primo Palio del 4 luglio fu quello del lontanissimo 1677, vinto dal Nicchio con Pavolino, disputato in questo giorno perché domenica, in modo da favorire il maggior afflusso di persone, soprattutto di forestieri, come li chiamano le cronache dell’epoca.

Altre carriere spostate al 4 per tale motivo furono quelle del 1751, vinto dalla Lupa con Maremmano, del 1858 conquistato dal “mitico” cavallo Trattienti con Gano di Catera per l’Oca, del 1869 (Chiocciola con Marzialetto), del 1875 (Torre con Pilesse), del 1880 (Selva con Leggerino), 1886 (Tartuca, ancora con Leggerino), del 1897 (Giraffa con Febo e Scansino, primo Palio del cappotto per la contrada di Provenzano) e quello del 1909 (Lupa con Scansino).

Nel 1717 il Palio di luglio fu effettivamente corso il 2, ma quello era….uno straordinario, effettuato per la venuta in città di Violante di Baviera, nuova Governatrice senese. Il 4 si corse il Palio ordinario, vinto dal Drago con Muletto. Passando ora ai Palii spostati di due giorni per pioggia, vediamo che il maltempo scombinò i piani nel 1847, quando fu deciso di non correre il 3 che era sabato, ma di andare alla successiva domenica, ed a festeggiare fu il Bruco con Figlio di Bonino. Nel 1889, Tabarre e Gemma nella Tartuca trionfarono nella mattinata del 4 luglio, dopo due giorni di acqua; la carriera, di cui vediamo il cavallino nella foto, si corse infatti alle ore 10. Infine, la bella ma altrettanto drammatica carriera del 4 luglio 1979, con volo finale di Quebel e Tremoto per la Civetta che portarono nel Castellare il cencio di Marco Salerni dedicato a Cecco Angiolieri.

Davide Donnini

Foto www.ilpalio.org                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

 

 

 

Galleria Fotografica

Web tv