SIENA NOTIZIE NEWS

STORIA DEL PALIO: ALÌ

News inserita il 24-09-2020 - Palio - Rubrica Storia del Palio

Bathà Golam, il primo fantino straniero in Piazza.

Nel 1927, Bathà Golam era un ventitreenne eritreo ex militante negli zaptié (militari dei Carabinieri, reclutati tra i cittadini libici, somali, ed appunto, eritrei), di tanto in tanto ospite di Siena per svolgere il proprio lavoro di venditore ambulante. Le autorità non ci danno di lui un quadro invidiabile, definendolo senza fissa dimora ed assai povero. Nonostante ciò, Golam è entrato di diritto nella storia del Palio in quanto primo fantino straniero a correre una carriera. Nel luglio 1927 al Bruco toccò in sorte un sauro di Michele Vannini, considerato dagli esperti una brenna; la dirigenza brucaiola decise così di affidarlo al giovane eritreo, considerato abbastanza abile nella monta, con il solo scopo di ostacolare la vittoria del Nicchio con Porcino, compito che Alì, così venne ribattezzato, senza troppa fantasia, Golam, eseguì alla perfezione, stringendo il fantino dei Pispini allo steccato subito dopo la partenza e compromettendone le possibilità di vittoria. La carriera, contrariamente ad ogni pronostico (le favorite erano infatti il Drago con Giacca e Randellone e la Giraffa con Margiacchina e Cispa) fu lottata da due outsider, la Pantera con Girardengo II e Garibaldi ed il Montone con la cavallina Tonta di Menotti Busisi e Picino. Al termine di una mossa nervosa durante la quale fu addirittura richiesta la seconda busta, fu proprio il Montone a partire in testa, rimanendovi per tutto il primo giro. Superato dalla Pantera, Picino riconquistò la prima posizione nel finale, grazie alla sua freddezza ed alla capacità di prendere traiettorie più basse rispetto a Garibaldi. Fu quella l’undicesima vittoria personale del Meloni, la quarta per il Montone, probabilmente la più inaspettata che fu applaudita dai tanti ospiti che presenziarono alla carriera, tra i quali si ricordano l’intera famiglia reale, i ministri Rocco, Volpe e Turati, Edda Mussolini, la figlia del Duce e lo zio Arnaldo. Per ciò che riguarda il nostro Alì, fu riproposto dal Bruco anche ad agosto, ma la caduta per la prima prova dallo storno del Rocchigiani lo tolse definitivamente dai giochi e, da quel momento, di Bathà Golam, il primo fantino straniero del Palio, si presero le tracce. Per ritrovare un altro fantino non italiano sul tufo occorrerà attendere sino al 1965, quando nella Pantera corse Victor Ramon Barrionuevo, detto El Argentino.

Davide Donnini

Foto www.ilpalio.org

 

 

Galleria Fotografica

Web tv