SIENA NOTIZIE NEWS

PEDOFILIA, VIOLENZE: DUE GIOVANI SCOPERTI DAI CARABINIERI

News inserita il 15-07-2020

Gli arrestati erano riusciti ad entrare nel deep web e ad assistere a pagamento a torture su minori

Risale ad ottobre 2019 l’operazione denominata “Delirio”, condotta dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando di Siena, coordinati dal Dottor Antonio Sangermano, Capo della Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Firenze, avente ad oggetto le ipotesi investigative di diffusione e detenzione di materiale pedo-pornografico ed istigazione a delinquere. L’indagine aveva disvelato l’esistenza di una chat denominata “The Shoah Party”, nella quale erano coinvolti numerosi soggetti minorenni provenienti da varie località del territorio nazionale.
Le attività investigative tuttavia sono proseguite anche dopo l’esecuzione delle perquisizioni, facendo affiorare la parte più oscura e drammatica delle risultanze indiziarie, quelle relative al Deep Web, un contesto internet criptato, dove circolano immagini di efferata violenza, anche in situazioni “live”.
I militari sono riusciti a risalire all’ identità di due giovani entrambi 17enni, un ragazzo e una ragazza del Piemonte, che assistevano alle cosiddette “red room”, stanze dell’ orrore, nascoste nel deep web, in cui si accede a pagamento, per assistere a violenze sessuali e torture praticate “in diretta” da soggetti adulti su minori, con possibilità di interagire per gli “spettatori”, che possono richiedere determinate azioni ai diretti protagonisti delle efferate azioni. Per poter vedere in diretta era necessario pagare in criptovalute prezzi differenziati in base alle richieste, per il live il costo era molti più elevato.
Ora, in questo ulteriore segmento investigativo, sono emerse nuove e specifiche risultanze indiziarie che fanno ritenere, sulla base di concreti elementi, che un soggetto minorenne, abbia personalmente partecipato on-line, “live”, assieme ad altri utenti, pagando in cripto valute e assistendo a vioelnze efferate su bambini non europei. Le immagini sembrano provenire dal sud est asiatico, nessuna violenza si è svolta in Italia.
Nel corso delle perquisizioni odierne sono stati rinvenuti e sequestrati telefoni cellulari, personal computer, tablet, chiavette usb e memorie esterne, i cui contenuti verranno successivamente analizzati dai carabinieri operanti.
Le persone fermate sono state accusate di far parte dell'organizzazione criminale in quanto paganti e di fatto finanziatori della stessa tremenda associazione.

 
Articolo stampato dal giornale on line: oksiena.it
© OKSIENA.IT - Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Siena il 26/05/2010 - Num. Reg.Stampa = 6 - P.IVA 01286400526
URL articolo: https://www.oksiena.it/news/pedofilia-violenze-due-giovani-scoperti-dai-carabinieri-150720112344.html