SIENA NOTIZIE NEWS

SIENA IMAGING VINCE LA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO ROCHE HEALTHBUILDERS

News inserita il 20-03-2019

Si aggiudica un programma di mentoring del valore di 200.000 euro

Siena -  Ritirato a Milano da Marco Battaglini, ricercatore presso l’Università di Siena e oggi amministratore delegato e co-fondatore di Siena Imaging, il premio Roche HealthBuilders, il primo programma di Open Innovation di Roche Italia dedicato alla salute. La start-up senese vince il primo premio con il progetto SI.Nlab, uno strumento accurato e semplice volto a migliorare il monitoraggio del paziente attraverso una nuova modalità di analisi di immagini di risonanza magnetica dell’encefalo e pensato per essere messo a disposizione di neurologi e neuroradiologi.

“Sono onorato di questo riconoscimento – afferma Marco Battaglini– un passo importante per il nostro team verso la realizzazione di un sogno. SI.Nlab è il frutto di 15 anni di ricerca e vorremmo che facesse da apripista ad un nuovo modo di lavorare per molti neurologi e neuroradiologi che quotidianamente affrontano scelte importanti in termini di diagnosi, cura e presa in carico di pazienti affetti da patologie complesse e delicate nella gestione, quali tumori cerebrali, sclerosi multipla e Alzheimer”.

Si tratta di una piattaforma virtuale di analisi di dati della risonanza magnetica (RM) dell’encefalo basata su algoritmi testati e visualizzatori progettati per ottenere in modo preciso e veloce i biomarkers di interesse.

“In questa occasione - precisa Nicola De Stefano, co-fondatore di Siena Imaging e Professore di Neurologia al dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e neuroscienze dell’Università di Siena - mi preme ricordare l’importanza dell’attività di ricerca svolta negli anni, i cui risultati hanno favorito la costruzione di una forte credibilità scientifica, oggi principale garanzia di affidabilità per i nostri partner commerciali”.

SI.Nlab cambierà il modo di identificare, valutare, interpretare e monitorare il danno cerebrale riducendo i tempi rispetto alla prassi attuale e aumentando il grado di accuratezza.

“Se si considera che in Europa vengono prodotti circa 5 milioni di immagini in RM ogni anno, per una spesa maggiore al miliardo di euro, e che l’esame viene compiuto essenzialmente attraverso ispezione visiva – precisa Marco Battaglini – si può comprendere l’impatto potenziale di una nuova metodologia che permetta di sfruttare tutte le informazioni contenute in una risonanza magnetica e le metta a disposizione del medico e, in ultima analisi, del paziente”.

Un software che, a differenza dei pochi competitors presenti sul mercato, coinvolge lo specialista nella quantificazione dei nuovi biomarkers, supportandolo, con uno strumento facile da usare, in un’attività altrimenti troppo complessa e lunga per essere pienamente implementata nella pratica clinica.

 

Galleria Fotografica

Web tv