SIENA NOTIZIE NEWS

SABIA VUOLE UNA MENS SANA CONCENTRATA: “ADESSO SERVE CONTINUITÀ”

News inserita il 26-11-2021 - Mens sana

Il centro biancoverde protagonista nel grande avvio della capolista: “Mi aiutano i compagni, ma devo ancora migliorare”

Alessio Sabia_Mens Sana

In una Mens Sana che ha scelto di sbilanciarsi sugli esterni, l’impatto di Alessio Sabia dice che pure sotto canestro la capolista ha i numeri per disputare una stagione di vertice. Il centro della Namedsport segna 14.5 punti di media a uscita, secondo marcatore nel roster di coach Binella alle spalle di Vittorio Tognazzi e addirittura tra i primi quindici realizzatori del campionato dopo otto giornate, tutte vinte dalla squadra biancoverde. Va spesso in doppia doppia, Sabia, confermandosi uomo d’area decisivo seppur all’interno di un sistema di gioco che sfrutta tante altre opzioni rispetto dal classico “palla sotto e…”.
Anche domenica scorsa a Capannoli ha timbrato il cartellino, segnando 22 punti e trovando canestri fondamentali nell’ultimo periodo, quando Valdera stava rientrando a stretto contatto della Mens Sana: “Un risultato pesante – dice Sabia, classe 1996, alla sua seconda stagione in maglia biancoverde –, centrato in una partita molto difficile, resa ancor più complicata dal fatto di doverla giocare su un campo col fondo in linoleum e da una prestazione offensiva abbastanza al di sotto degli standard che abbiamo. Valdera sicuramente ci ha messo in difficoltà con la zona, ma a fare la differenza è stato soprattutto il nostro lavoro compiuto in difesa”.
Che effetto fa il primato solitario in classifica?
La classifica non la guardiamo, alla fine della stagione mancano ancora più di 20 partite ed è troppo presto per fare qualsiasi tipo di considerazione su cosa potrà succedere nei prossimi mesi. Certo siamo partiti bene e le otto vittorie danno entusiasmo, ma è più importante non sentirsi arrivati, pensare anzi a dare continuità e dimostrazione di meritarsi questo livello: alle porte c’è una serie di partite molto complesse, dobbiamo affrontarle con grande concentrazione e voglia di far bene, a tutto il resto penseremo, eventualmente, tra qualche tempo”.
L’entusiasmo, però, è palpabile ogni volta che scendete in campo…
“Siamo un gruppo molto unito, lo siamo stati sin da subito e questo in campo si vede. Il clima è quello giusto, anche durante la settimana in palestra: si lavora bene assieme, ci si diverte e in campo può scapparci anche la battuta, ma questo non abbassa la soglia della concentrazione perché tutti quanti diamo sempre il massimo, in partita come in allenamento”.
Quanto c’è di Sabia in questa striscia di vittorie della Mens Sana?
“Sto cercando di dare il mio contributo, consapevole del fatto di non avere una grande concorrenza nel ruolo di centro ma anche dell’importanza che questo assume nei momenti in cui incontro avversari con caratteristiche simili alle mie. Le cose vanno molto bene anche perché si è creato un ottimo feeling con tutti i nostri esterni: sono loro che mi proteggono e vengono in aiuto nelle situazioni in cui mi trovo a dover tenere su un piccolo, spesso mi evitano anche di spendere qualche fallo di troppo, nonostante su questo frangente io debba sicuramente migliorare”.
Domenica al palasport arriva Fucecchio. A proposito di lunghi, come si ferma un giocatore di oltre due metri come Tessitori?
“È un giocatore con una stazza molto importante, e non solo quella, per la categoria. Non se ne trovano altri, di lunghi come lui, in questo campionato: dovremo essere preparati, fare un buon lavoro, arginarlo e provare a contenerlo, anche se sappiamo bene che non sarà facile”.
Matteo Tasso

foto Mens Sana Basketball Academy

 

 

Galleria Fotografica

Web tv