SIENA NOTIZIE NEWS

RAPINE E FURTI DELLA BABY GANG A SIENA, NOVE GIOVANI INDIVIDUATI DALLA POLIZIA

News inserita il 06-11-2020 - Cronaca

La banda ha fatto parlare di sé da diversi mesi, in un’escalation di violenza gratuita

All'alba di stamani, la Polizia di Siena ha effettuato perquisizioni personali e domiciliari nei confronti di alcuni minorenni componenti della banda che da diversi mesi terrorizzava i coetanei in città.

I giovani sono accusati di associazione a delinquere finalizzata al compimento di una serie indeterminata di delitti, in modo particolare rapine e furti. Dalla primavera scorsa, molti ragazzi di Siena sono stati costretti ad uscire di casa con la paura di essere presi di mira dalla baby gang che imperversava sul territorio.

In diverse documentate circostanze, senza alcun motivo e solo per imporre la propria egemonia nella città del Palio, facendosi forza del gruppo, picchiavano i coetanei, pretendendo da loro soldi, li minacciavano intimandogli di non azzardarsi a sporgere denuncia alla polizia, pena conseguenze ancora più gravi, o commettevano furti ai danni di ignari titolari di attività commerciali.

Le indagini, coordinate dal Procuratore Capo della Repubblica per i Minorenni di Firenze, Antonio Sangermano, con il Sostituto Procuratore Ersilia Spena, sono scattate a seguito di alcuni interventi dei poliziotti delle Volanti della Questura di Siena, poi sviluppati dagli investigatori della locale Squadra Mobile.

Nove i giovani già individuati come componenti fissi della gang, ma altri sono prossimi ad una precisa identificazione. In particolare, sarebbero principalmente due di loro, rispettivamente di sedici e quindici anni, i capi e promotori dell’associazione criminosa in questione, secondo l’ipotesi delittuosa costruita dalla Procura per i Minori.

La banda ha fatto parlare di sé da diversi mesi. Un’escalation di violenza gratuita che ha raggiunto il suo culmine nei fatti accaduti pochi giorni fa, allorquando un giovane bengalese senza fissa dimora, incrociato per strada da due componenti del gruppo, è stato preso a calci e pugni, colpevole di essersi avvicinato per chiedere spiegazioni degli sputi ricevuti senza alcun motivo.

La Procura Minorile sta coordinando le indagini della Polizia di Stato, seguendo una linea improntata al massimo rigore, ritenendo inammissibile che una città sia prigioniera della violenza.

 

 

Galleria Fotografica

Web tv