SIENA NOTIZIE NEWS

PRESENTATO IL PROGRAMMA DEL PALIO DEI SOMARI 2017 DI TORRITA DI SIENA

News inserita il 25-02-2017

Domenica 19 marzo la carriera sul tufo.

Il Palio dei Somari di Torrita di Siena presenta il programma dell’edizione 2017 insieme ad alcune importanti novità.
La carriera sulla pista a dorso di ciuco, dedicata a San Giuseppe dagli artigiani torritesi che la fondarono nel 1966, andrà in scena quest’anno proprio il 19 marzo, domenica, nella giornata intitolata al Santo lavoratore, patrono dei falegnami.
Consueta ormai la formula che vedrà sfidarsi le otto contrade (Porta Pago, Porta Sole, Porta Gavina e Porta Nova, situate nel centro storico, e Cavone, Le Fonti, Refenero e Stazione, esterne alla cittadella medievale) in quattro batterie ad eliminazione diretta, un recupero e nella finalissima a cinque.

NUOVA DIRIGENZA, CARDINI PRESIDENTE DELLA SAGRA
Ma il Palio dei Somari 2017 giunge all’appuntamento che coinvolge ed appassiona l’intera comunità anzitutto con una dirigenza completamente rinnovata.
Ad ottobre 2016, a seguito della conclusione anticipata del mandato del Presidente Fosco Tornani, dimessosi per motivi personali, al vertice dell’Associazione Sagra di San Giuseppe, titolare della manifestazione, è stato eletto Yuri Cardini.
Insieme a lui hanno occupato i ruoli più importanti nello staff Giacomo Novembri (vice-Presidente), Roberto Trabalzini (Tesoriere) e Anita Goti, riconfermata nel ruolo di Segretaria.
Una dirigenza fortemente motivata, composta interamente da autentici contradaioli, “gente di palio” che conosce a fondo la manifestazione in ogni suo aspetto, sia organizzativo sia sentimentale.
In particolare Cardini, quarant’anni, geometra, fin da bambino ha vissuto il clima della contrada di Cavone; è stato paggetto e tamburino per i colori bianco-verdi (ed anche nella comparsa del Comune, per i Castelli), ha suonato la chiarina nella Banda del Palio ed ha infine ricoperto la carica di Presidente della contrada per due mandati, dal 2002 al 2008.
La nuova dirigenza si è messa subito al lavoro per il Palio del 2017 trovando valido appoggio nel Comitato, in cui siedono gli otto Presidenti di Contrada ed il Presidente del Gruppo Sbandieratori e Tamburini, rimasto invariato rispetto all’anno precedente (e dunque già ampiamente rodato), e dando ulteriore impulso all’attività delle Commissioni.

NOVITÀ, LE PEDANE PER IL PUBBLICO IN PIAZZA DEL COMUNE
Un risultato molto evidente di questo impegno si vedrà già nel Palio ormai alle porte: la centralissima Piazza Matteotti (ovvero la Piazza del Comune), cuore pulsante della manifestazione insieme al Campo di Gara, allestito nel piazzale del Gioco del Pallone, ospiterà infatti delle comode pedane rialzate alle quali il pubblico potrà accedere per gustare l’intero spettacolo del corteo storico e delle esibizioni di sbandieratori e tamburini del 18 e 19 marzo, senza essere costretto a sbirciare attraverso le teste della folla che normalmente circonda lo spazio centrale. Le pedane, dotate di quattro livelli e quindi di cinque piani di appoggio, cingeranno tre dei quattro lati della piazza formando un anfiteatro a “U” che lascerà naturalmente libera la scenografia rappresentata dal Palazzo Comunale.
“Si tratta di un investimento significativo per il nostro bilancio e di un lavoro di montaggio (e poi smontaggio) che si aggiunge a quello delle tribune del Campo di Gara – afferma il Presidente Cardini – ma abbiamo la certezza che questa soluzione renderà la manifestazione ancora più attraente e piacevole, esaltandone la bellezza”.

PALIO IN DIRETTA TV SU NTi
Altra novità è rappresentata dall’emittente televisiva che aprirà il proprio palinsesto al Palio dei Somari e dedicherà ampio spazio della propria programmazione al Palio dei Somari 2017, garantendo, oltre ad un’informazione costante e puntuale su tutti gli eventi della festa, anche la “diretta”, in esclusiva, di sabato 18 e domenica 19 marzo. Si tratta di NTi di Chianciano Terme, dgt ch. 271, “voce” del territorio impegnata anche nella copertura della manifestazioni popolari ed il cui segnale è visibile nell’intera Toscana, condizione che contribuisce non poco alla diffusione ed alla promozione del territorio della Val di Chiana senese e dei suoi eventi. NTi trasmetterà in diretta – e ciò costituisce una novità assoluta – anche la serata di martedì 14 marzo quando nella Chiesa della Madonna delle Nevi, al Gioco del Pallone, si terrà un talk show sull’evoluzione dei costumi in cinquant’anni di Palio messa in relazione all’abbigliamento degli abitanti torritesi del ‘400, periodo al quale la manifestazione fa riferimento. Si tratterà di un avvenimento solo televisivo, a cui non è prevista la presenza del pubblico, e potrà dunque essere gustato anche dai tanti che saranno già impegnati con il lavoro di preparazione nelle contrade.
Le trasmissioni e gli interventi dedicati al Palio avranno inizio già da lunedì 27 febbraio con La partecipazione dei dirigenti della festa e dei Presidenti delle contrade alla trasmissione pomeridiana di informazione Newsroom. Dunque per oltre venti giorni il Palio dei Somari 2017 sarà presente sui teleschermi, creando un autentico filo diretto con il pubblico.

IN REGIONE L’INCONTRO CON LE ALTRE RIEVOCAZIONI STORICHE
La presentazione ufficiale del programma del Palio dei Somari, iniziativa inedita ma già destinata a ripetersi negli anni futuri, precede di appena un paio di giorni un’importante “uscita” della manifestazione. Sabato 25 febbraio, a Firenze, in occasione di una riunione del Comitato per la valorizzazione delle Associazioni e delle Manifestazioni di Rievocazione e Ricostruzione Storica, istituito nel 2015 dalla Regione Toscana con una propria legge, l’evento sarà presentato alle altre realtà della regione, tutte – come la festa torritese – profondamente legate al tessuto sociale, potendo così godere di una particolare attenzione. A fare idealmente gli onori di casa sarà Federica Goti, già vice-Presidente della Sagra e ora componente del Comitato della Regione Toscana come delegato per la Provincia di Siena.

IL PROGRAMMA DEL PALIO 2017
Reduce da un 2016 memorabile, in cui ha festeggiato i 50 anni di storia e le 60 carriere, anche con un’edizione straordinaria che, al successo di Cavone nella sfida di marzo, ha aggiunto quello de Le Fonti nella rivincita di giugno, il Palio dei Somari 2017 prenderà ufficialmente il via nel pomeriggio di sabato 11 marzo con il primo, tradizionale appuntamento.
Nei locali della Biblioteca Comunale sarà infatti inaugurata la consueta retrospettiva per immagini che da fotografica diventa multimediale. Foto e video ripercorreranno dunque i primi 50 anni di storia del Palio.
In contemporanea sarà aperto anche il suggestivo Mercato della Nencia, fiera di oggetti artigianali, antiquari ed a tema medievale snodata per le vie del centro storico; poi, alle 18.00, lo spettacolo “Torrita Anno Domini 1358: La Fortuna di un Castello” accompagnerà l'estrazione dell'ordine di sfilata delle contrade nel corteo storico e gli abbinamenti delle quattro batterie di qualificazione della corsa.
A seguire apriranno le rinomate taverne, curate dalle contrade, che proporranno piatti tipici della tradizione nell’affascinante ambientazione dei borghi, invitando i commensali ad un piacevole itinerario tra vicoli, piazze, profumi e sapori.
Dalle 21.45 il pubblico potrà seguire le esibizioni della Compagnia d'arme Il Santaccio, dei Terzieri di Chiusi, e dei FirePhantom che alle 23.00 lasceranno il posto al concerto del gruppo folk Arcambold.
Domenica 12, mentre proseguirà il Mercato della Nencia, ai giardini pubblici si ripeterà l’esperienza di Somarando, occasione offerta ai bambini (ma anche agli adulti) di saperne di più sull’animale autentico protagonista della festa. Nel pomeriggio si esibiranno gli allievi della scuola Sbandieratori e Tamburini e della scuola di musica Guido Monaco “La Samba”, con Musicando nei borghi.
A seguire, la seconda e conclusiva serata delle taverne con gli spettacoli degli armigeri del Santaccio, di Dam Danza e di FirePhantom.
Da lunedì a mercoledì si susseguiranno le tre serate dedicate al mondo che ruota intorno al Palio: per prima toccherà alla scuola con l’appuntamento di cui, alle 21.00 del 13 marzo, al Teatro degli Oscuri, saranno protagonisti gli alunni e gli insegnanti dell'Istituto Comprensivo di Torrita che presenteranno gli elaborati realizzati nell’ambito di un progetto creativo e didattico sulla festa.
Martedì 14, come accennato più sopra, sarà il momento della storia e dell’approfondimento culturale: la conferenza, curata dalla ProLoco, si svilupperà sul tema “Da dove il Palio parte: l’importanza della rievocazione storica, letta attraverso l’evoluzione del costume della dama”.
L'esperienza di alcune sarte, che negli anni si sono occupate di cucire gli abiti dei figuranti, incontrerà i riferimenti storico-artistici che fanno da sfondo all’ambientazione del corteo storico.
Mercoledì 13 l'attenzione si sposterà al Palasport dove si svolgerà il gioco tra contrade “Chissà se in Contrada si sa”. Lo spazio più ampio a disposizione permetterà agli organizzatori di proporre una versione della disfida più coinvolgente e spettacolare, con una cornice di pubblico decisamente più ricca.
Dopo un giorno di apparente pausa (ma in realtà di intensissima attività), uniche protagoniste del venerdì saranno le cene propiziatorie, occasione per presentare al popolo delle contrade i fantini che si sfideranno sul tufo.

Sabato 18 marzo, alle 21.30, farà il proprio ingresso in Piazza del Comune il panno dipinto che andrà alla contrada vincitrice; autore del Palio quest’anno sarà il pittore fiorentino Andrea Granchi. L’opera rimarrà esposta all'interno della centrale Chiesa delle Sante Flora e Lucilla.
Poi scatterà uno dei confronti più spettacolari, emozionanti ed attesi dell’intero programma e cioè la gara a coppie tra Sbandieratori e Tamburini.
Prima che il sipario cali sulla notte della vigilia, toccherà all’esibizione degli sbandieratori e tamburini dei quattro antichi Castelli di Torrita.
Il responso sarà reso noto il giorno successivo quando, al Campo di Gara, sarà assegnato il premio alle migliori coppie insieme allo Sfoggiato, per il personaggio del corteo storico più aderente allo spirito della rievocazione.
Domenica 19 marzo, alle 9.00, le comparse delle otto contrade faranno il loro ingresso in Piazza Matteotti per poi partecipare alla Santa Messa; seguiranno, al termine della celebrazione, le esibizioni di Sbandieratori e Tamburini fino alla partenza del Corteo Storico, che, dalle 11.45, sfilerà tra gli eleganti palazzi del centro abitato.
Il programma riprenderà alle 15.30 con l’ingresso dei figuranti nel Campo di Gara e dalle 16.00 scatteranno i confronti che, in un’emozionante sequenza, porteranno al verdetto finale.

IL SERVIZIO BUS NAVETTA
In entrambi i week end (11 – 12 e 18 – 19) un servizio navetta gratuito collegherà sia il pomeriggio sia la sera i parcheggi ed i punti di raccolta più distanti con il centro storico, agevolando l’afflusso degli ospiti e decongestionando la circolazione nella zona nevralgica della festa. Il bus fermerà, tra l’altro, in Piazza Falcone, al parcheggio antistante la Ferrovia, in Piazza della Libertà e in Piazza Alessandrini.

 

Galleria Fotografica

Web tv