POLITICA E STORIA: SIENA, COSA FAI? DOVE VAI?

News inserita il 30-12-2022 - Attualità Siena

Una città medioevale/finto moderna...

Partiamo da molto lontano: un giorno il muro di Berlino cadde e sinceramente per me poteva stare ancora in piedi (provocazione!).

La storia ha condannato alcuni sistemi totalitari ma certi partiti fanno ancora riferimento a ideali derivanti da quei sistemi. Non è una riflessione ma una certezza che dopo il crollo del muro di Berlino ci siano state le fughe dei comunisti che venivano nei paesi capitalisti, piuttosto che quelli che abitavano nei paesi capitalisti ad emigrare nei paesi comunisti!

Se ogni sistema ha i suoi difetti, dicono che la democrazia sia quella che ne ha un po' di meno. Si inneggia spesso all'antifascismo come valore acquisito da tutti, a patto di non avere in cambio regimi mascherati (senza olio di ricino e manganello).

Gli italiani, si sa, dimenticano in fretta. Il vecchio partito comunista italiano (PCI) dovette cambiare nome alla svelta, evidentemente anacronistico ma soprattutto bocciato dalla storia. Si tentò di annacquare quel colore rosso, facendolo diventare rosa e oggi tendente al bianco col passaggio negli anni da: PCI-PDS-DS-PD. Lo scolorimento ha funzionato talmente bene che adesso neppure le persone un tempo di sinistra, a cominciare dagli operai, si identificano in quel partito o in quell'area.

C'è chi poi deve difendere certe lobby economiche e credere che la demonizzazione dell'avversario funzioni al pari delle vecchie tecniche di diffamazione ereditate dalla vetusta Unione sovietica.

Per 70 anni la nostra stupenda Siena si è vista, in alternanza, governare da varie sinistre più o meno liquide, più o meno scolorite, amministrando in tempi in cui i “soldi mandavano l'acqua all'insù!”.

In fin dei conti gli anni 60 e 80 furono floridi un po' ovunque, grazie a due boom economici; poi negli ultimi tempi, con un colpo di democrazia "inaspettata", abbiamo visto arrivare al timone della città quella che nel politichese viene chiamata alternanza. Non siamo qui per trarre giudizi, neanche per dare voti ai sindaci, tanto ci penserà la storia, oggettivamente al momento non consiglierei neppure al peggior nemico di essere il primo cittadino di questa città medioevale/finto-moderna!

Abbiamo assistito negli anni alla distruzione delle nostre eccellenze, pilotate certo dalla centralità romana attraverso un partito con cui la senesità è stata connivente!

Le lacrime di coccodrillo sinceramente ci fanno un po' ridere ma più comunemente, come abitudine cittadina, ci piace mettere la testa sotto la sabbia al pari degli struzzi: se certi vezzi della politica sono schifosi, di fatto trovano la fertilità nella nostra mentalità di gente che avanza dei favori da persone sbagliate.

Siena, cosa fai? Dove vai?

Io non lo so ma di certo, anziché campare col cervello del 1300 nel 2022...sarebbe meglio avere un cervello da 2022 e campare saggiamente come nel 1300 al pari dei fasti dell'antica Repubblica.

Simone Benvenuti

 

Galleria Fotografica

Web tv