PAOLO LORENZI

PAOLO LORENZI SI RITIRA DAL TENNIS. APPLAUSI E GRAZIE AL CAMPIONE DI SIENA

News inserita il 31-08-2021 - Sport

Nel 2017, a 35 anni, è arrivato ad essere n.33 Atp con la soddisfazione di essere il primo giocatore in Italia.

Il suo addio è stato come quando, in tutti questi anni, ci ha allietato nei campi da tennis di tutto il mondo: umile, sincero e con il sorriso. "Il viaggio più bello della mia vita" ha detto "Paolino" Lorenzi, nato a Roma ma senese doc, riferendosi al suo sport che lo ha visto lottare in giro per i continenti con grinta e bellezza. Non un "fenomeno" Lorenzi ma di sicuro un esempio che tutti dovrebbero prendere come modello: è arrivato ad essere n.33 Atp nel 2017 (a 35 anni!) con la soddisfazione di essere il primo giocatore in Italia. Senza i colpi di Fognini e oggi di Musetti, senza le stigmate da predestinato di un Sinner o la completezza di un Seppi. Ma un giocatore che ha fatto paura anche ai più grandi, un titolo Atp sulla terra rossa di Kitzbühel (nel 2016), un ottavo di finale agli Us Open (a New York, città che ama e che ha scelto per dare l'addio al professionismo dopo la sconfitta nelle qualificazioni) lottando con il sudafricano Kevin Anderson che poi sarebbe arrivato in finale. E poi 21 titoli nei Challenger, risultato che lo ha issato nel podio di sempre tra i vincitori del circuito. Sempre con il Ct Siena nel cuore e parole di elogio per una città che adora.

Ci mancherà "Paolino", esempio di tennis genuino e robusto, di acume tattico e lavoro, di risultati che si ottengono con la fatica, il sudore e il sacrificio. Ha difeso l'Italia in Coppa Davis, ci ha fatto divertire e sentire orgogliosi. Si ritira nell'anno di gloria del tennis italiano e pensando a ciò ci piacerebbe che Lorenzi continuasse nel tennis. I giovani da lui possono soltanto imparare. Ma qualunque sia la sua scelta, in tv come commentatore, da coach o quello che vorrà, c'è solo una cosa da dire per un finale da applausi: grazie Paolo Lorenzi. Un pezzo di storia del tennis italiano porta anche la tua firma.

Luca Stefanucci

 

Galleria Fotografica

Web tv