SIENA NOTIZIE NEWS

NASCE L’ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE “A PICCOLI PASSI”

News inserita il 12-09-2018

Istruzione parentale, cosa è a chi è rivolta

Tutto pronto per l’apertura dell’Associazione di promozione sociale “A piccoli passi”, prevista per il 17 settembre 2018. Vediamo di cosa si occupa, ne parliamo con il Presidente Zoki Sebelic Cioli e la Coordinatrice Cinzia Rendinella.

Con quale scopo nasce l’associazione e cosa è?

L’associazione ha due scopi: in primis nasce con l’intento di promuovere pratiche pedagogiche marginali nel panorama scolastico istituzionale, e, in un secondo momento, ha lo scopo di supporto all’istruzione parentale di cui si avvalgono sempre più famiglie in particolare offrendo svariate attività ludiche ed educative nel centro formativo di stampo democratico/libertario che l’associazione gestisce.

A chi è rivolta?

Per quanto riguarda il supporto all’istruzione parentale essa è rivolta ai bambini dai 3 agli  11 anni, mentre per quanto concerne il supporto allo studio e l’offerta di un servizio di aiuto-compiti è rivolto ai bambini dai 6 ai 14 anni. Inoltre, l’associazione si rivolge anche agli adulti, in particolare ai genitori e agli insegnanti, per quanto riguarda la diffusione di buone pratiche pedagogiche tramite l’organizzazione di eventi culturali, convegni e seminari.

Che cosa è l’istruzione parentale?

I genitori che optano per l’istruzione parentale spesso non riescono a  gestire da soli l’istruzione dei propri figli quindi si rivolgono a delle figure professionali che possano svolgere questo compito.

Queste figure possono essere degli insegnati privati, ma sempre più spesso, in Italia, nascono delle associazioni no profit che si occupano anche di questo aspetto. Il centro educativo non può comunque essere considerato una scuola, piuttosto uno spazio in cui vengono sperimentati ed elaborati modi diversi di fare scuola. In questo senso, è nostra intenzione  aprirci alla scuola pubblica affinchè le persone che vi lavorano all’interno possano conoscere questi modi diversi di fare scuola nella speranza che decidano di adottarli in parte o in toto all’interno del sistema statale. Crediamo infatti che una scuola pubblica gratuita per tutti debba avere il coraggio di cambiare realmente per rivitalizzarsi e progredire.

Come si finanzia questa associazione?

Questa associazione si finanzia attraverso le donazioni, attraverso le quote associative, con la ricerca fondi, tramite l’organizzazione di cene di beneficenza e di eventi culturali, tramite l’allestimento di mostre e mercatini in cui vengano esposti i prodotti dei bambini.  Si finanzia altresì attraverso campagne di crowdfunding e partecipazione a contributi regionali. A tal proposito, ne aprofittiamo per ringraziare, in questa sede, la nostra finanziatrice, la signora Ludmilla, che ha creduto al nostro progetto e senza il cui contributo (limitato a questo anno) non saremmo riusciti ad avviare la nostra attività con tanta facilità.  Ci teniamo a rendere noto inoltre che chi fosse interessato a partecipare ad alcune delle attività proposte dall’ associazione, può richiedere il tesseramento che è da rinnovare annualmente e che ammonta ad una quota di 10 euro l’anno.


Ringraziamo Zoki Sebelic Cioli e Cinzia Rendinella per l’intervista concessaci che ci ha resi più consapevoli di una realtà molto interessante e che non sempre è conosciuta. Ricordiamo infine che chi volesse contattare l’associazione può farlo scrivendo una mail a ass.apiccolipassi@gmail.com o  consultando la pagina facebook “ A piccoli passi”.


Chiara Lenzini

 

Galleria Fotografica

Web tv