SIENA NOTIZIE NEWS

NALDINI: “IL COSTONE PUNTA SUI GIOVANI PER ARRIVARE AI PLAYOFF”

News inserita il 17-09-2021 - Sport

Il d.g. gialloverde parla a due settimane dall’esordio in C Silver: “Niccolò e Leonardo Mencherini ottimi innesti”

È tempo di verifiche sul parquet per il Costone Vismederi, atteso nel fine settimana dalla partecipazione al Memorial Sandro Finetti e impegnato sul percorso di avvicinamento all’esordio nel campionato di serie C Silver.
Dopo una stagione conclusa con il raggiungimento della semifinale playoff, il quintetto della Piaggia si approccia alla nuova annata con l’obiettivo soprattutto di far crescere i propri giovani, come spiega il direttore generale costoniano, Andrea Naldini.
Naldini, a due settimane dal via della C Silver come sta il Costone?
“Abbiamo iniziato con la preparazione fisica il 23 agosto, guadagnando una settimana sulle altre squadre anche per meglio approcciarsi al cambio di staff tecnico. Sul campo stiamo andando bene, c’è un grande impegno in palestra e c’è un buon clima al di fuori. Questi primi test di precampionato sono utili anche per valutarci in termini agonistici”.
Per coach Fattorini è stata una sorta di promozione sul campo…
“È stata una scelta veloce e fortemente condivisa da tutta la società. Fattorini è una risorsa del Costone e che il Costone vuol valorizzare, affidandogli con fiducia la panchina della prima squadra ma anche attribuendogli il ruolo di responsabile tecnico del settore giovanile, vero focus di questa e delle prossime stagioni. Accanto a lui la conferma di Francesco Borsi e il ritorno dalla Virtus di Federico Ferrini: è uno staff collaudato, hanno già lavorato assieme anni fa nella società femminile”.
Che giudizio dà sugli innesti estivi?
“Seguivamo da tempo Niccolò Mencherini, una guardia con un buon tiro da fuori e che lavora bene in penetrazione: ha vinto il campionato di serie D con Altopascio, ci aiuterà come del resto suo fratello Leonardo, che nella scorsa stagione era tesserato per Pontedera e che è un playmaker dotato di visione e che passa bene la palla. Si stanno entrambi inserendo, ci daranno un contributo importante”.
Dove vuol arrivare il Costone?
“Abbiamo investito meno sulla prima squadra rispetto alla passata stagione, ma confermiamo giocatori comunque importanti come Bruttini, Juliatto, Silveira e altri che fanno parte del nucleo storico. L’obiettivo è raggiungere i playoff e far crescere i nostri giovani: ce ne sono di molto interessanti, penso ad Alessandro Tognazzi, a Ricci, a Piattelli, ad altri ragazzi che venuti da fuori come Papa e Nupieri e che nel corso dell’anno avranno modo di fare qualche esperienza anche in serie C, oltre che nelle giovanili”.
Quali squadre possono ambire alla promozione in C Gold?
“Quelle sulla bocca di tutti e cioè Fucecchio, Carrara e la stessa Mens Sana. Noi partiamo con tanta fiducia, ma anche con la consapevolezza di dover lavorare bene in palestra per sopperire a qualche limite, se il termine di paragone sono le squadre che lotteranno per la vittoria finale. Vedremo nei prossimi mesi se sarà il caso o meno di compiere qualche intervento sul roster, la stagione comunque sarà lunga e complessa per tutti”.
Accennava alla linea verde…
“Abbiamo aumentato il numero delle squadre giovanili, aggiungendo l’Under 17 in virtù di una collaborazione con la Virtus, siglata dai presidenti Montomoli e Bruttini. Seppur sotto la denominazione Costone, sarà allenata da Maurizio Lasi e vedrà scendere in campo giovani di entrambe le società, anche gli spazi vengono condivisi dato che si utilizzano i rispettivi impianti. Responsabile tecnico del nostro vivaio è lo stesso David Fattorini, questo per dare l’idea della grande importanza che attribuiamo alla crescita dei giovani: facciamo un forte in bocca al lupo all’Under 19 Eccellenza, alla guida della quale c’è il gradito ritorno di Marco Collini, impegnata a fine mese in uno spareggio per essere ammessa al campionato di categoria. E poi il minibasket, sul quale puntiamo molto: il club mi ha investito di questa responsabilità, nella quale sono affiancato da Alessandra Muzzi e Valentina Cappelli, un bel gruppo di lavoro con tante idee da realizzare grazie anche all’apporto del responsabile tecnico Fabio Tozzoli e dello stesso Marco Collini, che seguirà pure i mini-cestisti”.
Altre novità?
“Da quest’anno ci siamo dotati di una piccola foresteria. È un investimento importante, voluto dal presidente Montomoli: nella struttura, attigua al palazzetto di Montarioso, trovano alloggio quattro ragazzi che hanno scelto Siena per i loro studi e il Costone per fare attività cestistica giovanile”
Ripartire con l’attività giovanile in tempi di pandemia è complesso?
“Veniamo da mesi molto difficili e certe criticità permangono. Ripartire in sicurezza è la parola d’ordine: credo sia giusto ringraziare lo sponsor Vismederi per lo sforzo che sta compiendo a favore di tutti i tesserati del nostro settore giovanile, dal minibasket all’Under 19, ai quali viene data la possibilità di sottoporsi gratuitamente al tampone. Uno sforzo che si estende ai familiari dei ragazzi, per i quali sono previste agevolazioni in caso di effettuazione di tamponi”.
Siena ha tre società ed altrettanti vivai, ma un bacino d’utenza ristretto rispetto al passato…
“La concorrenza di altri sport esiste, soprattutto nelle annate post olimpiche, anche perché il basket non vive certo un momento esaltante, anche a livello nazionale. Io credo molto nella collaborazione, il Costone è soddisfatto dei rapporti instaurati e degli scambi di giocatori che da qualche stagione si verificano con la Virtus e con la Mens Sana: quando si alza la palla a due deve esserci campanilismo, magari anche una sana rivalità, fuori dal campo però serve una visione comune”.
Matteo Tasso

Foto tratta dalla pagina fb Costone Siena

 

Galleria Fotografica

Web tv