SIENA NOTIZIE NEWS

MEDICINA E SALUTE: TOSCANA, NUOVO PERCORSO D'ASSISTENZA PER I PAZIENTI IN COMA

News inserita il 29-03-2018

Varata l’organizzazione regionale

E’ stata stabilita dalla Regione Toscana l'organizzazione di setting di assistenza residenziale territoriale che possano assicurare una risposta adeguata ai bisogni delle persone in stato vegetativo e di quelle con grave disabilità conseguente a patologia neurologica. La giunta regionale lo ha fatto con una delibera proposta dall'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi e approvata nel corso dell'ultima seduta. La programmazione regionale aveva già messo a punto (2009) il "Percorso assistenziale delle persone con gravi cerebrolesioni acquisite" e indicato (2012) le "Linee di indirizzo per l'assistenza alle persone in stato vegetativo e stato di minima coscienza". La delibera approvata lunedì scorso stabilisce che l'organizzazione delle aziende sanitarie deve prevedere, nell'ambito dell'offerta di assistenza residenziale territoriale, sia le Unità per Stati Vegetativi (USV) che le Speciali Unità di Accoglienza Permanente (SUAP), che si contraddistinguono in base alla diversa intensità assistenziale richiesta dalle persone in SV (Stato Vegetativo) o in SMC (Stato di Minima Coscienza). L'assistenza erogata in entrambi i setting è a totale carico del Servizio sanitario nazionale, e il percorso di presa in carico si conclude di norma entro due anni dall'evento acuto. Trascorsi i due anni, nel caso di impossibilità di rientro al domicilio della persona in SV o SMC, vengono attivate le modalità assistenziali in RSA; oppure, nel caso di adeguatezza ambientale/familiare, vengono attivati dalla UVM (Unità di valutazione multidisciplinare) disabilità progetti domiciliari con prestazioni di assistenza diretta alla persona.

 

Galleria Fotografica

Web tv