LUNEDÌ BASKET: VIRTUS E COSTONE AVANTI TUTTA. MENS SANA KO CON RIMPIANTI

News inserita il 16-01-2023 - Sport Siena

Due successi su tre le senesi di C Gold.

L’ ultima giornata di andata porta in dote due vittorie ed una sconfitta per le senesi di C Gold. Inizia alla grande il 2023 del Costone, uscito vittorioso per 88-82 contro la Synergy Valdarno al termine di una gara dai due volti, che la Vismederi, nella quale ha fatto il suo esordio il neo arrivato Maksimovic, sembrava aver messo in discesa dopo uno scintillante primo quarto concluso sul 31-20. Un improvviso blackout nella seconda frazione, in parte proseguito anche nel terzo periodo, ha consentito ai valdarnesi di rifarsi sotto ( 45-41 all’intervallo lungo), e di passare in vantaggio fino al +5. Gli ultimi minuti sono stati un’altalena di emozioni con le due squadre che si sono contrastate colpo su colpo.

A trascinare al successo i gialloverdi è stato Banchi con canestri preziosi (17 a referto per lui), ed assist ai quali la Synergy non ha più avuto la forza di replicare, forzando malamente i possessi decisivi. Top scorer costoniano Bruttini con 27 punti, da sottolineare anche i 20 di Ondo Mengue. Sul parquet di Valdisieve, la Virtus colleziona il quinto successo consecutivo, imponendosi per 81-76 al termine di un match rivelatosi, come da pronostico, assai insidioso. Nel primo tempo, infatti, la vena offensiva dei padroni di casa, che hanno chiuso i primi 20 minuti con 48 punti a referto e ben 8 bombe a segno, unito al pressing a tutto campo, ha creato qualche problema ai rossoblù, andati nello spogliatoio sotto di 4.

Nella ripresa, una volta raffreddate le bocche da fuoco fiorentine, la Stosa Cucine ha preso in mano le redini della gara, legittimando il successo con un allungo nel periodo finale grazie ai canestri dei nuovi innesti Paunovic e Dal Maso e ad una tripla di Bianchi. Chi, ancora una volta, deve rammaricarsi per l’ occasione buttata è la Mens Sana che, di fronte al pubblico amico, cede contro Castelfiorentino per 59-54. La Mens Sana è partita alla grande con un break iniziale di 10-0, propiziato da ottime medie al tiro e da una difesa ai limiti della perfezione. Sfruttando la serata storta dei tiratori ospiti e l’infortunio a Nepi, non più rientrato, i biancoverdi hanno allungato fino al 36-23 con il quale si è concluso il primo tempo.

Nella ripresa però, la zona ordinata da coach Angiolini ha dato la svolta alla gara: la Mens Sana ha faticato a trovare la via del canestro mentre l’ABC, punto dopo punto, è riuscita addirittura a mettere la testa avanti nel finale male di terza frazione con due liberi di Pucci. Nei dieci minuti finali, privi anche di Cantagalli, ko per una violenta botta alla testa, Castelfiorentino ha avuto il merito di essere più cinica nei momenti decisivi e di sfruttare al massimo i tiri liberi (alla fine 17/18 per gli ospiti, contro un modestissimo 8/18 per i locali), voce sicuramente decisiva in una partita a così basso punteggio e nella quale, soprattutto nel quarto periodo, dal campo si è segnato con il contagocce.

In tema di vittorie consecutive, è arrivato a sei il filotto dell’Olimpia Legnaia, vittoriosa contro Prato per 75-71. Gara dai due volti quella del Pala Filarete: una prima parte dominata dai fiorentini, avanti di 13 all’intervallo, ed un secondo tempo favorevole agli ospiti, bravi a ricucire il gap e ad impattare a quota 66. Ne finale, i troppi errori dalla lunetta degli ospiti e la maggior lucidità degli esterni di casa hanno deciso l’incontro. Dopo la sconfitta beffa di Siena, sponda Virtus, Cecina si è rifatta con gli interessi, maltrattando la malcapitata ed incerottata Altopascio con un 104-63 che la dice lunga sul divario tecnico tra le due compagini.

Dopo lo show balistico di settimana scorsa, con 43 punti segnati, Matteo Paoli stavolta ne ha messi27 che però non sono bastati al suo Don Bosco per conquistare il terzo successo stagionale; al Pala Macchia si è alla fine imposta Lucca per 85-73, scavando il solco decisivo nel secondo quarto. Vittoria di marca lituana per La Spezia: Balciunas ed il nuovo arrivo Seskus con 44 punti in due, hanno trascinato al successo i liguri conto una SBA Arezzo che ha comunque avuto il merito di restare attaccata al match prima di mollare nel finale e cedere per 91-76. Il derby del pistoiese, infine, va ad Agliana, che espugna Quarrata per 78-65. Decisiva la difesa ospite del secondo tempo che ha costretto Quarrata, alla quarta sconfitta nelle ultime cinque, a soli 21 punti segnati.

Nel prossimo turno, primo di andata, sarà la Mens Sana stavolta a recarsi sul parquet di Valdisieve, cercando di “vendicare” la bruciante sconfitta dell’andata. La Virtus tornerà tra le mura amiche per ospitare Altopascio che sarà ancora priva del talento Salazar, appiedato per due turni dal giudice sportivo; per il Costone, ostico impegno interno contro Agliana.

 

 

Galleria Fotografica

Web tv