SIENA NOTIZIE NEWS

 

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI SCATOLONI: ECCO COSA FARE!

News inserita il 20-09-2022 - Attualità

La divisione dei prodotti in macro aree di riciclo è il modo che abbiamo per salvaguardare il nostro ambiente

“Fare la raccolta differenziata” non è solo aderire a un trend di pensiero, ma significa prestare attenzione alle piccole cose, alle parti che compongono un oggetto, anche perché non sempre seguono tutte lo stesso percorso di riciclo.

Gli scatoloni che riceviamo a casa in seguito a un ordine, spesso vengono riciclati semplicemente nella carta, ed è un errore, perché il pluriball inserito all’interno per proteggere la merce, il nastro adesivo o le bolle d’aria esterna non vanno buttate nel cassonetto della carta!

La raccolta dei rifiuti e la divisione dei prodotti in macro aree di riciclo è il modo che abbiamo per salvaguardare il nostro ambiente e per ridurre i costi della pubblica amministrazione.
Insomma, c’è più di un motivo per investire nella raccolta rifiuti e soprattutto per farla bene!

Gli scatoloni sono utilizzati non solo per le spedizioni, ma anche per l’archiviazione di documenti e fascicoli, sul sito di Rajapack è possibile visionare un’ampia gamma di scatole di dimensioni diverse, dall’ottima qualità garantita da un’azienda con anni di esperienza nel settore imballaggi.

Inoltre, nella maggior parte dei casi quelli contenenti la merce spedita sono anche molto resistenti, pena il danneggiamento della merce.
Come anticipato, per quanto riguarda la raccolta, i diversi imballaggi vanno differenziati secondo regole ben precise. Vediamole nel dettaglio.

Il nastro adesivo che chiude il pacco, andrà staccato con cura e per quanto a primo acchito si potrebbe pensare di buttarlo nella plastica, in realtà va riciclato nell’indifferenziata a secco, a causa del rivestimento in colla.

Spesso la chiusura degli scatoloni è rinforzata dal nastro adesivo e dalle fascette da imballaggio, le quali vanno staccate e cestinate nei vari contenitori a seconda del materiale di composizione.
Nella maggior parte dei casi, nella plastica.

Il pluriball usato per proteggere la merce dagli urti va differenziato nella plastica, è lecito scoppiare qualche pallina, soprattutto se si sta vivendo un periodo particolarmente stressante.

Inoltre, è importante staccare dalla scatola la bolla di consegna e la finestrella di plastica adesiva, e anche questo caso l’imballo verrà buttato nell’indifferenziata e non nella plastica, a causa della colla.

Infine, la scatola, che ormai è priva di elementi aggiuntivi.
Prima di cestinarla, è il caso di pensare a un uso alternativo più o meno creativo.
Gli scatoloni possono essere usati per sistemare le cose in cantina, per il cambio negli armadi, per fare una cernita degli oggetti che non usiamo più e donarli alle varie associazioni della città.

Infatti, prima di buttare qualcosa, bisogna sempre pensare a un uso alternativo: dalla scatola al pluriball, basta solo un po' di fantasia per dare nuova vita agli oggetti.

 

 

 

Galleria Fotografica

Web tv