SIENA NOTIZIE NEWS

LA LUCE LED BLU ANNIENTA IL COVID SULLE SUPERFICI, SI SCOPRE A SIENA

News inserita il 23-09-2020 - Attualità

Quantità virale azzerata in 15 minuti

Dai risultati dei test in vitro, come riportato su agenziaimpress.it, realizzati nel laboratorio di microbiologia e virologia dell’Università di Siena, in collaborazione con l’azienda italiana di medical device Emoled, è emerso che la luce led blu è in grado di inattivare batteri e virus tra cui anche il Sars-Cov-2, rappresentando una nuova e sicura soluzione per la sterilizzazione di superfici e oggetti, alternativa all’utilizzo dei raggi Uv.

«Abbiamo utilizzato la luce led blu – spiega Maria Grazia Cusi, professore ordinario di Microbiologia e microbiologia clinica dell’Università di Siena – a diverse densità di potenza, con tempi diversi, contro alcuni virus respiratori come il virus respiratorio sinciziale e l’adenovirus, in modo da stabilire i parametri necessari per verificare l’attività virucida di questa luce. Dopo avere constatato che la densità di potenza di 120 mw/cm2 per 30 minuti rappresentava la situazione migliore per svolgere un’attività virucida, abbiamo deciso di verificare anche l’effetto di questa luce sul Sars-Cov-2. A questo punto – continua la professoressa Cusi – abbiamo utilizzato la stessa lunghezza d’onda per 15 e 30 minuti, su una concentrazione elevata di virus, e dopo l’esposizione alla luce led blu, il materiale è stato raccolto e sottoposto a titolazione virale, ossia, è stata calcolata la quantità di virus vivo presente dopo il trattamento con questa luce». Il risultato è che «c’è stato un totale abbattimento della quantità virale nel materiale trattato, sia a 30 che a 15 minuti».

 

 

 

Galleria Fotografica

Web tv