SAN GIMIGNANO

IL FESTIVAL BAROCCO PROTAGONISTA A SAN GIMIGNANO

News inserita il - Eventi

Il Festival Barocco di San Gimignano, giunto all'undicesima edizione, arriva al suo secondo appuntamento dei tre previsti. Come sempre, la politica del Festival è quella di privilegiare autori e musiche poco conosciuti, se non addirittura ignoti, eseguiti con copie di strumenti originali e secondo la prassi esecutiva del tempo, a seguito di attenti studi musicologici e paleografici da parte di preparati esperti e ricercatori in tutta Europa.

Domenica 22 settembre, alle ore 18 presso la Sala di Dante all’interno dei Musei Civici in Piazza del Duomo, concerto dell’ensemble “Musica Perduta”, composto da Baltasar Zuñiga, tenore, Renato Criscuolo, basso di violino e viola da gamba, Dario Landi, tiorba. Il programma ci dà un assaggio della produzione vocale e strumentale in Italia e in Inghilterra nel primo ‘600, con musiche di Caccini, Frescobaldi, Dowland e Hume.

Un nuovo modo di fare musica, iniziato già verso la fine del XVI sec., prende definitivamente forma nel secolo successivo dove via via si abbandona l’impianto polifonico per lasciar spazio all’invenzione puramente melodica, sostenuta da un accompagnamento variegato e articolato. Nascono così nuove forme come le Cantate in ambito vocale e le Sonate in quello strumentale, e l’Italia in quel periodo rappresenta forse il più importante centro di produzione musicale europeo. Il programma ci dà così alcuni esempi del modo di fare musica nel primo Barocco secondo lo stile italiano ed inglese.

Altro su:

 

Galleria Fotografica

Web tv