SIENA NOTIZIE NEWS

I PALAZZI DELLA PROVINCIA DI SIENA E DEI COMUNI SI COLORANO DI ARANCIONE

News inserita il 22-11-2021 - Eventi

Il Palazzo della Provincia sarà completamente illuminato di arancione giovedì 25 novembre in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Un’iniziativa di sensibilizzazione che si inserisce all’interno della campagna “Orange the world” promossa da UN Women e che, la Provincia di Siena, ha esteso anche ai comuni del territorio che hanno accolto l’invito a colorare di arancione le loro sedi istituzionali.

Inoltre, sempre su proposta della Provincia, i Comuni senesi hanno aderito alla campagna di sensibilizzazione rispetto alla drammatica situazione che sta vivendo il popolo afghano ed in particolare le sue donne. In particolare, ogni consigliere provinciale e comunale è stato invitato a devolvere un gettone di presenza, per un consiglio comunale tenuto nel mese di novembre al CISDA (Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane) per sostenere le azioni a favore delle donne e delle ragazze afghane.

“Un invito rivolto a tutte le amministrazioni locali – ha detto Giulia Periccioli, consigliera provinciale alle pari opportunità – come atto simbolico che ribadisce l’impegno delle amministrazioni pubbliche, ma soprattutto che rappresenta l’occasione per la cittadinanza per rifletter su questo fenomeno che è strutturale e per il quale servono lavoro, impegno quotidiano e consapevolezza diffusa. La violenza di genere è sempre, se non solo, un problema culturale. Non è un fatto privato ma sociale e come tale va affrontato nella sua dimensione pubblica”.

Sempre all’interno delle iniziative per il 25 novembre, la Provincia di Siena, sostiene la mostra fotografica di Luciana Petti Le parole non sono farfalle, lotta ai pregiudizi sessisti, in programma fino al 27 novembre all’interno della CoopFi Centro Siena delle Grondaie. Per tutta la giornata del 25 novembre sul sito istituzionale della Provincia di Siena, sarà visibile il messaggio “Non accettare nessuna forma di violenza. Chiama il 1522”.

 

 

Galleria Fotografica

Web tv