SIENA NOTIZIE NEWS

 

FATTURE DIGITALI PER I FORFETTARI: CARATTERISTICHE RICHIESTE IN UN SOFTWARE

News inserita il 07-06-2022 - Attualità

Il 1° luglio 2022 sarà una data epocale: inizia il nuovo corso per le partite IVA in regime forfettario

Il 1° luglio 2022 sarà una data epocale per le partite IVA in regime forfettario, obbligate a passare alla fatturazione elettronica.
Una misura discussa da tempo e che adesso, dopo tanti mesi di attesa, prende forma.
Sebbene molti tra i forfettari abbiano deciso di passare al digitale spontaneamente, ben prima dell’obbligo, quanti ancora aspettavano sembrano spaventati dalle novità che questo passaggio potrebbe portare alla propria attività. Un timore comprensibile considerato che i cambiamenti suscitano sempre perplessità e insicurezza, ma l'e-fattura porterà tantissimi miglioramenti per le varie attività, in termini di fiscalità, risparmio, produttività e anche impatto ecologico.
La prima cosa da fare è dotarsi di un software di fatturazione elettronica intuitivo e capace di adattarsi ad ogni necessità. Tutte caratteristiche offerte dal software di fatturazione per regime forfettario Easyfatt di Danea.
Uno strumento che offre il massimo supporto ad ogni azienda e al lavoro del reparto amministrativo dell'attività o del professionista freelance.
Inoltre, cosa che farà piacere soprattutto agli e-commerce e alle aziende che lavorano nell'ambito del commercio, il software offre ulteriori funzionalità extra per la gestione del magazzino e di tutte le operazioni legate alla logistica.
Un software del genere è di grandissimo aiuto per i liberi professionisti e per le aziende pronte al passaggio dal cartaceo al digitale, poiché fornisce tutti gli strumenti necessari per familiarizzare da subito con lo strumento. Per quanti si troveranno, le prime volte, spaesati, potranno contare sull’assistenza fornita tramite un manuale d'istruzioni, video tutorial o supporto via ticket o telefonico.
Va comunque evidenziato che non ci sono grandi differenze tra la fattura cartacea e quella digitale. Anzi, i passaggi sono più o meno gli stessi, con la differenza che il tutto avviene tramite un sofisticato software digitale.
Per cominciare è necessario inserire le anagrafiche di clienti e fornitori; se si proviene da un altro software gestionale, è possibile importare questi dati, risparmiando molto tempo.
Le schede dei clienti, una volta salvate, non devono essere compilate alle successive emissioni di fattura. Tutto diventa automatizzato e, una volta inserito il nome del cliente, è sufficiente indicare l'importo dovuto per il bene venduto o la prestazione erogata.
Bastano pochissimi secondi per emettere una fattura tramite il Sistema di Interscambio, a tutto beneficio dell’efficienza aziendale. Laddove le fatture cartacee fanno perdere minuti preziosi, le e-fatture consentono di recuperare tempo e di concentrarsi sul core business dell'attività.
Senza ingombranti faldoni gli uffici sono più ordinati e le aziende, risparmiando cartucce e carta per la stampante, possono ridurre sensibilmente i costi. A beneficio naturalmente anche del pianeta.

 

Galleria Fotografica

Web tv