SIENA NOTIZIE NEWS

CRETE SENESI, INCANTESIMO DI UN TERRITORIO

News inserita il 19-08-2021 - Attualità

Un’area particolare e suggestiva che sviluppa sui territori comunali di Asciano, Buonconvento, Monteroni d’Arbia, Rapolano Terme, Trequanda e Montalcino

Le Crete Senesi sono un’area situata a sud-est di Siena che sviluppa sui territori comunali di Asciano, Buonconvento, Monteroni d’Arbia, Rapolano Terme, Trequanda e Montalcino. Il nome “Crete” deriva dall’argilla che affiora dal terreno caratterizzando il paesaggio con il suo peculiare colore grigio-azzurro. Si tratta di un’argilla mista a salgemma e gesso, il risultato dei sedimenti di un antico mare che tre milioni di anni fa ricopriva l’intera area. Le Crete Senesi presentano una conformazione molto particolare con bianche colline, calanchi, balze e biancane che ha portato molti a definirla un “paesaggio lunare”. Proprio per queste caratteristiche, fin dal Medioevo, la zona tra Buoncovento, Asciano e Montalcino è stata chiamata “Deserto di Accona” ma questo non deve assolutamente farvi pensare ad un posto desolato e privo di vita. Tutto il territorio delle crete senesi è sorprendente in qualsiasi stagione si visiti: in inverno ed in autunno, periodi più piovosi, offrono panorami dominati dal blu, dal grigio quasi bianco delle giornate luminose; il verde esplode in primavera ed il giallo con il grano in estate.

Un paese da visitare, molto suggestivo delle crete senesi, è Asciano.

Asciano è un grazioso borgo di origine medievale ancora dotato di parte di mura difensive. Asciano ha diversi punti di interesse che faranno innamorare gli appassionati di arte e non solo. In particolare, il Museo civico archeologico e d’arte sacra Palazzo Corboli rappresenta un’autentica sorpresa per la qualità e la quantità delle opere esposte. Oltre ai musei di Palazzo Corboli nel borgo si possono ammirare la Basilica di Sant’Agata ed il Museo Cassioli, dedicato al pittore Amos Cassioli e al figlio Giuseppe. Tra gli altri monumenti ci sono la Torre della Mencia, la Chiesa di San Francesco e la bella fontana che si trova in Piazza del Grano. Subito fuori dal paese, è certamente da visitare anche la cappella dei Santi Fabiano e Sebastiano dove si trova un un bellissimo affresco realizzato da Girolamo di Benvenuto.

Insomma le crete senesi sono mistero, luce, ombra, colore, atmosfera desertica, accattivante…sicuramente da vedere. In alcuni casi, soprattutto d’inverno, possono suscitare “melanconia”, quella sensazione non spiacevole di attrazione verso l’ignoto e lo sconosciuto.

Le crete sono vita, vissuta, da vivere, sono gioia e dolore, sono mistero e luce, atmosfera e buio, sono i colori dell’iride, create o “inventate” per essere amate.

Chiara Lenzini

 

Galleria Fotografica

Web tv