SIENA NOTIZIE NEWS

CGIL CISL E UIL: "DOMANI IN PIAZZA PER IL LAVORO SICURO, STABILE E DI QUALITÀ"

News inserita il 27-05-2021 - Attualità

A Siena presidio in Piazza Duomo dalle ore 10,30 alle 12

"Domani in piazza per il lavoro, quello sicuro, stabile, di qualità" è lo slogan della mobilitazione nazionale CGIL CISL e UIL prevista per il 28 maggio, a Siena si svolgerà un presidio in Piazza Duomo dalle ore 10,30 alle 12.

Le persone non vanno lasciate sole, - dicono i sindacati senesi - questo è il momento di investire nel lavoro, nel lavoro sicuro, stabile e di qualità. Domani saremo in piazza per dire che i problemi non si risolvono consentendo alle imprese di licenziare. Sarà una giornata di mobilitazione per rivendicare la proroga del blocco dei licenziamenti per tutti sino al 31 ottobre 2021 e l’approvazione della riforma degli ammortizzatori sociali. Ribadiremo la nostra assoluta contrarietà alla semplificazione in materia di appalti che con un ritorno al massimo ribasso e all’estensione del subappalto comprimono diritti e salari, agevolano l’illegalità e penalizzano la qualità di opere o servizi”.

Morire sul lavoro non è mai inevitabile, – denunciano CGIL CISL e UIL - purtroppo si sta morendo come quaranta anni fa, cadendo da una impalcatura o rimanendo intrappolati nei macchinari. A livello nazionale abbiamo predisposto una piattaforma unitaria da presentare al governo, adesso più che mai è necessario ‘un patto per la salute e sicurezza sul lavoro’. La piattaforma parte dal principio che salute e sicurezza non possono essere considerati un costo, ma che devono essere un investimento, un bollino di qualità per le aziende e per la dignità dei lavoratori, e che l'informazione e la formazione è centrale sia per mettere i lavoratori in condizioni di conoscere i rischi e di lavorare in sicurezza, sia per rivendicare l'attuazione delle norme”.

Va inoltre rafforzato il ruolo della rappresentanza sindacale - sottolineano le organizzazioni sindacali - perché nessuna azienda rimanga senza RLS o RLST. Chiediamo inoltre che vengano migliorate le ispezioni in qualità, quantità e frequenza, attraverso la riforma del livello istituzionale di indirizzo e programmazione, l'integrazione delle banche dati disponibili e lo sviluppo di tutti i servizi di prevenzione e per la sicurezza nei luoghi di lavoro anche attraverso l'assunzione e finanziamenti mirati”.

Inoltre rivendichiamo la qualificazione delle imprese – aggiungono i sindacati - e una patente a punti per determinare qualità, rispetto delle norme e legalità e per togliere la giungla degli appalti che si vincono al ‘massimo ribasso’ comprimendo i costi anche sulla salute e sicurezza. Patente a punti significa anche che le imprese che non rispettano le norme di sicurezza sul lavoro non solo devono essere sanzionate, ma non devono lavorare.

Infine crediamo che soprattutto nelle scuole che formano coloro che saranno i ‘futuri lavoratori’ – concludono CGIL CISL e UIL - la materia della salute e sicurezza sia una materia che si debba insegnare per creare tutta una cultura che si deve formare anche fra i giovani. Il tema non deve essere solo un grido di allarme, ma rilanciare la battaglia contro gli infortuni e le morti sul lavoro, una vera campagna affinché le lavoratrici e i lavoratori abbiano il diritto dopo il lavoro di tornare a casa, bisogna lavorare per vivere e non per morire”.

 

Galleria Fotografica

Web tv