SAN GIMIGNANO

CARCERE SAN GIMIGNANO, ESPLODE LA PROTESTA E I DIPENDENTI SONO IN AUTOCONSEGNA

News inserita il 03-12-2018

La decisione deriva "a causa delle difficili condizioni lavorative in cui versa l’Istituto, una Casa di Reclusione che negli ultimi anni ha avuto forti carenze in termini di direzione".

Da questa mattina i dipendenti del Carcere di San Gimignano sono in autoconsegna (non lasciano il posto di servizio a fine turno, restando sul posto di lavoro). Una forma di protesta molto forte a cui sono arrivati a causa delle difficili condizioni lavorative in cui versa l’Istituto, una Casa di Reclusione che negli ultimi anni ha avuto forti carenze in termini di direzione.

Proprio a causa di queste carenze che lo scorso 10 ottobre i poliziotti penitenziari si sono mobilitati attraverso una protesta davanti ai cancelli dell’Istituto per rivendicare la necessità di una direzione stabile. La mobilitazione ha fatto sì che si designasse un Direttore, ma dall’arrivo di questa direzione gli eventi critici sono diventati costanti e quotidiani, tra questi anche delle minacce nei confronti del personale in servizio. Vogliamo mostrare la piena solidarietà, come Fp Cgil Toscana, a tutti i poliziotti penitenziari che si stanno muovendo oggi con grande sacrificio, perché il loro esempio e la loro battaglia diventi occasione per rilanciare la battaglia ad un livello più alto. Per questo cogliamo l’occasione per denunciare pubblicamente lo stato di abbandono degli Istituti Penitenziari Toscani, e chiediamo a gran voce che il Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria, il dott. Antonio Fullone, incontri i poliziotti penitenziari in agitazione per rendere concrete le loro rivendicazioni.

Quanto scritto nella nota sindacale firmata unitariamente dalla maggior parte dei sindacati locali, inviata proprio al Provveditore Antonio Fullone, parla chiaro: “Non siamo intenzionati a barattare l’arrivo di un Direttore con l’insicurezza del personale, con una gestione del personale e dell’Istituto del tutto individuale e in controtendenza con gli sviluppi tecnologici che oggi permettono di diminuire i carichi lavorativi e aumentare i livelli di sicurezza, pur garantendo tutte le funzionalità dell’Istituto. E’ una situazione inaccettabile e quello che viene percepito è che l’Amministrazione Penitenziaria, per quanto riguarda San Gimignano, abbia cercato di risolvere un problema ponendone un altro maggiore, costringendo il personale di Polizia a scegliere tra l’avere una direzione e la propria sicurezza individuale”.

Giulio Riccio (Coordinamento regionale Fp Cgil - polizia penitenziaria) 

Dall'ufficio stampa della Cgil Siena riceviamo e pubblichiamo

"Negli ultimi due mesi il carcere di San Gimignano è stato protagonista di tantissimi eventi critici. Il cambio del Direttore e l’immissione di un Comndante e un Vice Comandante hanno dato la continuità sperata nel processo decisionale e di direzione, ma non hanno risolto i rischi per la sicurezza del personale di polizia penitenziaria. C’è il forte sospetto che tutto ciò sia conseguenza di SCHERMAGLIE BUROCRATICHE che non appartengono e non interessano in alcun modo ai poliziotti penitenziari in servizio presso la Casa di Reclusione di San Gimignano. La CR di San Gimignano è diventata nell’ultimo mese il contenitore di buona parte dei detenuti psichiatrici, quelli violenti e più difficilmente gestibili di tutto il resto della Toscana, e non solo, in una CR che non è strutturata per gestire problematiche detentive di questo tipo in maniera ordinaria e continuativa. Gli eventi critici sono all’ordine del giorno, e ciò compromette anche la stabilità trattamentale degli altri ristretti con pene detentive lunghe e con percorsi detentivi strutturati.
NON SIAMO INTENZIONATI A BARATTARE l’arrivo di un Direttore con l’insicurezza del personale, con una gestione del personale e dell’Istituto del tutto individuale e in controtendenza con gli sviluppi tecnologici che oggi permettono di diminuire i carichi lavorativi e aumentare i livelli di sicurezza, pur garantendo tutte le funzionalità dell’Istituto. E’ una situazione inaccettabile e quello che viene percepito è che l’Amministrazione Penitenziaria, per quanto riguarda San Gimignano, abbia cercato di risolvere un problema ponendone un altro maggiore, costringendo il personale di Polizia a scegliere tra l’avere una direzione e la propria sicurezza individuale. E’ l’ennesima presa in giro e MANCANZA DI RISPETTO verso chi con dedizione e fedeltà ha portato avanti l’istituto nelle situazioni più difficoltose e disperate, rimboccandosi le maniche. E’ per questi motivi che da oggi queste OO.SS dichiarano che il personale in servizio presso la CR di San Gimignano si autoconsegna, non lasciando il posto di servizio a fine turno, fin tanto che il Provveditorato non avrà approvato e messo
in campo le misure necessarie che queste stesse OO.SS, con l’ausilio del personale con cui si confrontano quotidianamente, hanno individuato e che presenteranno al Provveditore Regionale, di cui si aspettano la presenza per ascoltare i lavoratori nell’ambito della protesta in corso".

 

Galleria Fotografica

Web tv