SIENA NOTIZIE NEWS

BLOCK NOTES: SANTA MARIA DELLA SCALA, PROGETTI CULTURALI CERCASI

News inserita il 10-07-2020 - Attualità - Rubrica Block Notes

La costituzione di una “Fondazione” per il necessario sostegno al più importante complesso architettonico, culturale e museale della città

L'estate senese va avanti, - o meglio si dipana lentamente - senza il Palio e in assenza di quel turismo proveniente da ogni parte del mondo che caratterizzava ed “arricchiva” la sua stagione, cercando di individuare progetti culturali di un certo spessore che possano ridare un soffio vitale al complesso del Santa Maria della Scala che, senza un direttore generale ed accontentandosi di ospitare mostre già viste in altre città italiane, vive, anche per colpa di questa maledetta pandemia, tempi di una assoluta grigia normalità.
Leggo che l'avvocato sindaco De Mossi avrebbe tutta l'intenzione di costituire una “fondazione” a cui affidare le sorti del Santa Maria. Non mi interessa farne una questione di primogenitura...anche l'allora Sindaco Franco Ceccuzzi, se non erro, e lo stesso Bruno Valentini, avevano vagheggiato questa ipotesi. Per poi lasciare il tutto in sospeso. Personalmente, e visto che a suo tempo, quale Presidente della Biblioteca Comunale degli Intronati promossi il passaggio dalla astrusa forma consortile fra Comune e Provincia alla Fondazione per assicurare una vita meno grama alla Biblioteca stessa, credo fermamente che la costituzione di una “Fondazione” sia l'idea giusta per dare il necessario sostegno a quello che può essere considerato il più importante complesso architettonico, culturale e museale della città.
Basta intendersi, però, sul significato di Fondazione. Lo Zingarelli si limita a dire che questo è un ente morale caratterizzato dall'essenzialità di un patrimonio destinato ad uno scopo specifico. Insomma ci dice tutto e niente. Forse è meglio precisare che una Fondazione che viene costituita con atto pubblico, poggiando su di uno specifico statuto, è contraddistinta da due distinti atti giuridici. Il negozio di fondazione e l'atto di dotazione attraverso il quale alla fondazione viene assicurato il patrimonio necessario alla realizzazione dei suoi scopi, nel caso specifico, culturali.
Alla Fondazione viene in dote il complesso del Santa Maria della Scala, ma se alla stessa non arrivano in dote cospicui finanziamenti ordinari e straordinari, il progetto resta solo sulla carta.
Insomma si tratta di capire quali saranno le somme che il Comune, in primis, destinerà alla nuova istituzione e se ci saranno altri soggetti, pubblici o privati, che si impegneranno a dotare la Fondazione di finanziamenti ad hoc.
Prendo atto, con soddisfazione, intanto che presto verrà dato il via ai lavori di recupero e restauro della strada interna che dalla Piazzetta della Selva sale fino a Piazza del Duomo. E' questo un percorso suggestivo sul quale si affacciano diversi locali atti a diventare nuovi spazi espositivi. I lavori prevedono anche la copertura in vetro della corte trecentesca denominata “la Corticella”.
Insomma si va verso la realizzazione di un museo multimediale della via Francigena che si sviluppa lungo questa arteria interna al complesso del Santa Maria. I lavori, il cui costo è previsto in oltre cinque milioni di eurini, sono finanziati dalla Regione Toscana attraverso il Piano Operativo Regionale e il Fondo Europeo Regionale.
Insomma le idee non mancano e i progetti aspettano solo di essere realizzati.

Roberto Morrocchi

 

 

Galleria Fotografica

Web tv