SIENA NOTIZIE NEWS

BLOCK NOTES: PASQUA DI VERA RESURREZIONE, PRIMAVERA DI SPERANZA

News inserita il 02-04-2021 - Attualità - Rubrica Block Notes

Dei numeri in crescita di questa maledetta pandemia, sia in Toscana sia nella nostra Siena, non ne possiamo più

Sarà questo un Block Notes di speranza. A due giorni dalla Pasqua non posso fare altro che augurare ai miei quattro fedeli lettori, ma anche ai tanti altri che un occhio su questo Block lo buttano, bontà loro, spesso e volentieri, una vera Pasqua di Resurrezione, perché dei numeri in crescita di questa maledetta pandemia, sia in Toscana sia nella nostra Siena, non ne possiamo più.
Mi verrebbe la voglia, in un improvviso afflato di bontà, di fare gli auguri anche ai nostri amministratori regionali, Giani e Bezzini che hanno commesso - salvo la loro buona fede – una serie di errori nella campagna di vaccinazione che lascia ancora inermi e senza alcun scudo contro il Covid gli ultra ottantenni e che vede troppi over 70 alle prese, giorno e notte, con le tastiere del computer per cercare una data, ma va bene anche uno strapuntino di riserva, per arrivare alla fatidica iniezione sul braccio che abbiamo capito essere l'unica strada per salvarsi la pelle ed uscire entro la fine della prossima estate da questa disgraziata crisi sanitaria che si sposa ad una crisi economica che, pur in presenza di ristori e sostegni che si rivelano spesso aiuti che lasciano il tempo che trovano, aumentano paurosamente, nel contempo, il nostro formidabile debito pubblico.
Guardando le strade e le piazze della nostra comunque splendida Siena mi viene il magone di fronte a tante, troppe, vetrine che sono diventate in questi mesi occhi vuoti, spenti. Troppe saracinesche serrate, troppi vendesi e affittasi e tanti, troppi, esercizi commerciali ai quali ero in qualche modo affezionato abbandonati al loro destino.
Ma dobbiamo farcela, trovando dentro di noi la forza di guardare al futuro con un pizzico di ottimismo, tanto non costa niente, e il nostro proverbiale coraggio e quel briciolo di fantasia che ha connotato spesso il nostro modo di stare al mondo, di fare e disfare per il bene della nostra gente, della città e delle sue Istituzioni. Magari dobbiamo trovare la forza di unire gli intenti, di uscire dal gioco perverso degli equivoci, dei gruppi contrapposti, di avversioni politiche e partitiche che in questo frangente rischiano solo di farci toccare il fondo senza troppe speranze di tornare a riveder le stelle. Lo so, il rischio di scadere in una demagogia di maniera c'è ed è concreto, ma qualcosa mi dice che da questo grigiore e da questa peste se ne esce tutti insieme, fronteggiandoci con progetti ed idee e non con stupide contrapposizioni.
Buona Pasqua e che sia davvero di Resurrezione.

Roberto Morrocchi

 

 

Galleria Fotografica

Web tv