SIENA NOTIZIE NEWS

AD ABBADIA SAN SALVATORE È TEMPO DI "FERRA IL BOSKO"

News inserita il 11-08-2016 - Abbadia

Il 14 agosto, all’imbrunire, i badenghi escono di casa per dirigersi verso la vetta dell’Amiata per rinnovare un rito estivo del fuoco che è atto di devozione alla montagna madre e alla sua natura. Si passa la notte nel bosco e si attende l'arivo dell'alba.


E’ tempo di Ferra il Bosko” e, ad Abbadia San Salvatore (SI), torna a rivivere una tradizione ultra centenaria che vede un intero paese attendere l’alba di Ferragosto trascorrendo la notte nel cuore della montagna.

Le memorie raccontano che sul finire del pomeriggio, il 14 agosto i badenghi uscivano di casa per dirigersi verso la vetta dell’Amiata. Camminando attendevano la discesa dell’oscurità per poi accender fuochi nel bosco attorno ai quali, in molti, trascorrevano tutta la notte. La montagna così si illuminava di tanti falò in un rito estivo del fuoco che da sempre era considerato vero atto di devozione alla montagna madre e alla sua natura che qui è dolce e gentile. Un avvenimento che non può non richiamare alla mente l’altra grande tradizione di Abbadia San Salvatore legata al fuoco: le Fiaccole della vigilia di Natale.

 

Una notte d’estate tutta da sognare, magica, fatta di suoni e silenzi che senza dubbio rimane uno dei modi più originali e ancestrali di celebrare il Ferragosto.

 

La festa ha una natura intima ed allo stesso tempo collettiva. Una camminata che è un vero e proprio viaggio dell’anima: dalla luce del giorno al buio della notte, dalla musica al silenzio assoluto, dall’energia dell’aggregazione alla quiete della solitudine, dall’attività fisica al ristoro, Ferra il bosko offre un percorso sensoriale unico nel cuore del Monta Amiata. Un’esperienza semplice ma non convenzionale e proprio per questo molto profonda e densa di significati.

 

Oggi, grazie all’Associazione Culturale Ferra il Bosko, la sera del 14 agosto, grandi e piccini escono di casa e partono verso la montagna. Un percorso di 6 chilometri che da Abbadia San Salvatore sale fino al Primo Rifugio Amiatino e che viene arricchito di momenti di spettacolo ed enogastronomia.  Tre le tappe (Ex Officina Mineraria – Catarcione – Primo Rifugio Amiatino) e ad ogni sosta si beve, si mangia, si ascolta musica e si recuperano le energie per raggiungere il main stage, la tappa principale, dove si celebra la fine del percorso con grigliate a non finire e concerti di varie band: l’edizione del 2016 sarà aperta dalla musica della rock band The Rage Against the Mountain, vincitrice di “Ferra il Contest 2016” (il contest per band emergenti organizzato da Ferra il Bosko), a seguire il rockabilly dei milanesi Backseat Boogie e, in conclusione, dj set elettronico di Dj Bargax.



 

Si può scegliere di compiere l’itinerario a piedi così da godere la massimo dell’esperienza di “Ferra il Bosko” con la luce che si spegne lentamente tra gli alberi trasformandosi in notte, la quiete della montagna intervallata da momenti di convivialità durante le tappe, i suoni che della natura che diventano sempre più presenti con il calare della sera.

Esiste anche la possibilità di usufruire di un servizio di navetta gratuita in funzione dalle ore 19 alle ore 2.30, che collegherà ininterrottamente l’inizio dell’evento (partenza dall’ex officina meccanica, sede dell’appena inaugurato museo minerario multimediale) al primo rifugio facendo fermate nella tappa intermedia di Catarcione.

Chi volesse muoversi in auto può anche usufruire di parcheggi allestiti presso le tre aree dell’evento. Il tragitto totale è di 6 km.

E come da tradizione, a fine della serata, intorno alle ore 2.00, chi lo desidera potrà accamparsi per la notte nel bosco aspettando il sole di ferragosto.

 

 

Galleria Fotografica

Web tv