SIENA NOTIZIE NEWS

A RADICONDOLI ARRIVA "UNA BOCCATA D'ARTE"

News inserita il 23-06-2021 - Radicondoli

Dal 26 giugno al 26 settembre 2021 ci sarà Adelita Husni Bey

Pochi giorni ancora e Radicondoli sarà protagonista con "Una Boccata d’Arte". Dal 26 giugno al 26 settembre 2021 arriverà Adelita Husni-Bey che realizzerà un intervento in situ grazie al progetto realizzato da Fondazione Elpis in collaborazione con Galleria Continua, con la partecipazione di Threes Productions.

 È Radicondoli l’unico borgo in Toscana a far parte di questo progetto di arte contemporanea che coinvolge l’intero territorio nazionale. I venti borghi selezionati ogni anno in base al numero di abitanti non superiore a 5000, alla presenza di un tessuto culturale attivo e alla capacità artigianale, commerciale e ricettiva a carattere famigliare, diventano il teatro di venti interventi in situ d’arte contemporanea, realizzati da artisti emergenti e affermati, invitati da Fondazione Elpis e Galleria Continua.

Radicondoli ospiterà la mostra Cronaca del luogo e del tempo ripetuto di Adelita Hunsi-Bey. L’inaugurazione si terrà domenica 27 giugno alle ore 18.30 sulla terrazza panoramica «Ernesto Becucci», Palazzo Berlinghieri, Via Tiberio Gazzei 89, a Radicondoli, in provincia di Siena.

Cronaca del Luogo e del Tempo Ripetuto è un'installazione sonora diffusa nel borgo di Radicondoli che si riferisce all’andamento ciclico delle pandemie: tema centrale del lavoro svolto dall’artista, insieme ad OCRA, giovane Orchestra da Camera di Radicondoli. Il titolo è in parte un omaggio a Luciano Berio, compositore sperimentale che visse a Radicondoli, per coincidenza, proprio nella casa dove l’artista Adelita Husni-Bey ha soggiornato durante il suo periodo di residenza per la produzione dell’opera.

Prendendo spunto da esercizi di pedagogia sonora ideati dalla Scratch Orchestra, Anna Halprin, UltraRed e Pauline Oliveros, l’artista ha guidato OCRA nella produzione di partiture sperimentali che riflettono il vissuto personale dei musicisti, attraverso una serie di improvvisazioni svoltesi senza conduttore. L’orchestra ha suonato immagini, rielaborando, attraverso i propri strumenti, cronache e narrazioni sulla peste che ha colpito la Val d'Elsa negli anni 1630-1633 e sull’esperienza più recente del lockdown. L’azione musicale, come potrebbe essere definita da Berio, si avvale delle voci dell’associazione teatrale Rabèl per l’interpretazione di decreti e ordinanze dal carattere giuridico. Queste si intrecciano alle riflessioni dei componenti di OCRA sulle pandemie e sulla loro capacità di enfatizzare rapporti di potere sociali preesistenti.

“È davvero un onore e una soddisfazione far parte di questa rete di piccoli borghi diffusi in tutta Italia che condividono l’obiettivo di unire l’architettura paesaggistica delle nostre realtà con l’arte contemporanea in un itinerario alla scoperta dell’Italia e dell’arte - fa notare Francesco Guarguaglini, sindaco di Radicondoli -  Questa è la seconda edizione del progetto. Lo scorso anno era stata scelta Volterra per la Toscana. E quest’anno ci siamo noi. La storia, l’arte, la natura attorno a noi parlano da sole. A questo si aggiunge l’impegno per la cultura”.

 

 

Galleria Fotografica

Web tv