SIENA NOTIZIE NEWS

PD: "L'AGENZIA DEL WELFARE NASCE SENZA PARTECIPAZIONE E IN MODO CONFUSO"

News inserita il 01-07-2021

"L’amministrazione Comunale di Siena non finisce mai di stupirci. Porta nel Consiglio Comunale di oggi, 30 giugno, un atto per istituire una Agenzia comunale del Welfare, Famiglia, Politiche per la Casa e il Volontariato.

Leggendo l’atto non si capisce bene che cosa sia, che cosa voglia fare, quali siano le reali intenzioni e, soprattutto, le funzioni che gli vengono attribuite. Gran parte delle cose scritte nell’atto, se pur in modo confuso e contraddittorio, sembrerebbero essere deleghe riferite all’Assessore o competenze della Giunta. Infatti si dice, in qualche passaggio, “funge da struttura di supporto all’Assessore”.

Allora la prima lettura che mi viene da fare è quella di un’ammissione implicita della maggioranza, di mancanza di fiducia  sull‘Assessore che viene affiancata da una ibrida Agenzia.

Inoltre a me sembra in gran parte un atto di pura propaganda su dei valori enunciati nell’allegato che andrebbero trattati con molta più cautela, nel rispetto delle pluralità e delle varie sensibilità.

Se, pur con una procedura e un atto non chiaro e discutibile sul piano istituzionale, si vuole davvero costituire una nuova struttura con una propria organizzazione funzionale, che svolgerà in autonomia la propria attività, che può disporre di proprie risorse, seppur sotto le direttive dell’Assessore, che si muoverà nella propria attività coinvolgendo enti associazioni, parrocchie, contrade, ASL, ASP, come viene enunciato in alcune parti dell’atto? Ma c’è davvero bisogno di creare un’Agenzia così strutturata per fare tutto questo? Così si rischia di moltiplicare funzioni e ruoli che possono mortificare Associazioni, Volontariato e terzo Settore, già fortemente impegnate in un lavoro di sussidiarietà, di solidarietà e di protezione sociale.  Ci sono già le Consulte del Terzo Settore per garantire l’incontro tra organizzazioni no profit e istituzioni, compreso il Comune senza doversi inventare altri organismi. Tra l’altro, da ciò che si sente, questa iniziativa nasce senza essere stata partecipata e condivisa preventivamente con coloro che tutti i giorni sono in campo.

Infine vorremmo capire meglio quale sarà il rapporto tra l’Agenzia del Welfare  e la Società della Salute, consorzio tra i comuni e l’Azienda Usl, per la gestione del socio assistenziale previsto dalla legge Regionale e per quelle funzioni sociali aggiuntive delegate dal Comune alla Società della Salute stessa.

Ma tutta questa confusione di ruoli e di moltiplicazione di organismi serve davvero alla nostra città?

Anziché impegnarsi in queste confuse, inutili e dannose iniziative, il Comune avrebbe fatto meglio a trovare più risorse dal bilancio cercando di spenderle a difesa dei più deboli o in settori come quello dell’infanzia dove si assiste allo smantellando di una delle eccellenze di questa città.

Il PD è impegnato a dare una risposta alle esigenze e ai bisogni sociali dei cittadini senesi, per cui non servono nuovi strumenti organizzativi, ma idee e proposte concrete per avere più strutture per l’infanzia e più strumenti, anche innovativi, per dare risposte alle famiglie e agli anziani non autosufficienti e al disagio, cosi come propone il PNRR.

Il Gruppo Consiliare del PD, nella sua autonomia, insieme al Partito, faranno, come stanno facendo su altre questioni, un’opposizione decisa per mettere fine a questo modo confuso di amministrare".

MASSIMO RONCUCCI – Segretario PD della città di Siena

 

Galleria Fotografica

Web tv