SIENA NOTIZIE NEWS

ITALIA VIVA COLLE VAL D'ELSA: "TURISMO, RENDERE LA CITTÀ CAMPER-FRIENDLY"

News inserita il 14-06-2021

La posizione di Colle di Val d’Elsa è strategica, da qua passano tutti i turisti diretti a luoghi più visitati. È arrivato il momento di far diventare la nostra città una meta desiderata dai viaggiatori.
Un primo step necessario, visto anche che in Valdelsa si concentra la maggior parte della produzione camperistica europea, è l’individuazione di almeno un’area camper che possa attrarre tutto quel turismo che vive Colle soltanto come città di passaggio.

Italia Viva di Colle di Val d’Elsa vuole manifestare l’urgenza di rendere la nostra città camper-friendly. I camperisti che arrivano in città devono sentirsi accolti e accettati.

È vitale iniziare un percorso progettuale che ci porti a realizzare un’area camper attrezzata che sia vicino ai servizi, ma allo stesso tempo tenga in considerazione il contesto storico della città di Colle.

Come Italia Viva, dunque, riteniamo fondamentale individuare delle aree, almeno per quest’anno, definibili in modo semplice come pit-stop camper, delle aree in cui i camperisti possano sostare tranquillamente per visitare la città, rifornire le proprie provviste ed essere parte attiva del rinascimento culturale della città.

Colle sarà realmente attrattiva soltanto se riusciremo a dare input diversi che siano accoglienti sotto ogni punto di vista.

Già abbiamo presentato una mozione volta all’abbattimento delle barriere architettoniche per promuovere il turismo accessibile, che è parte attiva anche del turismo camperistico; oltre a questo deve esserci coinvolgimento e piena partecipazione delle associazioni che si impegnano per la città. Una o più aree camper sono una parte fondamentale di un progetto complessivo di rilancio turistico per Colle.

Perché la realizzazione di un’area camper porterebbe benefici? La risposta è semplice. In un periodo come questo, il turismo in camper sta aumentando in modo esponenziale. Questo perché le aree sosta camper sono mete sicure, organizzate per il distanziamento tra i mezzi e, quindi, trasmettono maggiore tranquillità al turista che vuole viaggiare.

Il “turismo in libertà” interessa particolarmente piccoli borghi e città d’arte. Lo scorso anno sono stati 5,7 milioni i turisti che hanno scelto il camper ed è previsto un netto aumento durante questo ed i prossimi anni.

Chi viaggia in camper spende, ogni anno, 1,1 miliardi di euro in particolare per trasporti pubblici, prodotti enogastronomici locali ed artigianato. Questo porta dei benefici indubbi al territorio che visitano.

Certo è che, se Colle di Val d’Elsa non si farà trovare pronta ad accogliere questo pubblico, non ne trarrà alcun beneficio.

Italia Viva Colle di Val d'Elsa

 

Galleria Fotografica

Web tv