SIENA NOTIZIE NEWS

IN CAMPO: "NUOVE DELEGHE PER LA GIUNTA DE MOSSI"

News inserita il 13-08-2021

Al posto del Palio, il caldo ferragosto 2021 porta nuove deleghe in Giunta, che non susciteranno sicuramente lo stesso interesse e i cui benefici sulla città e i cittadini, semmai ce ne saranno, sono tutti da valutare nel tempo.

Motivato come azione per rendere più efficiente la macchina amministrativa, questo giro di valzer fra assessori in realtà ha lo scopo, nemmeno tanto nascosto, di mantenere equilibri interni alla Giunta ormai molto precari, come in molti hanno già osservato.

Per limitarci alle maggiori deleghe toccate da questo intervento, vogliamo ricordare a Sindaco e Assessori che  la delega ai  lavori pubblici passa di mano per l’ennesima volta ma fino ad ora, nella realizzazione, ci si è limitati alla pura manutenzione senza procedere ad interventi che la stessa Giunta ha indicato come caratterizzanti la propria attività. A parte i cantieri che rendono molto difficile la circolazione, dove sono i lavori per migliorare la viabilità della città o mettere in sicurezza situazioni di pericolo, come Pescaia o Scacciapensieri? Sulla manutenzione dei monumenti della città, la Fortezza come la cinta muraria, non solo non abbiamo visto interventi ma nemmeno progetti e richieste di finanziamenti.

Gli interventi nell’edilizia scolastica, sulla quale più volte la nostra Associazione si è espressa, per esplicita dichiarazione degli assessori competenti si sono limitati ad un parziale adeguamento delle scuole esistenti, decisione quanto mai incomprensibile rispetto ad una situazione che è di emergenza, come la stessa Giunta in aperta contraddizione con se stessa, ha dimostrato sulla questione Franci.

La spartizione di questa delega fra tre diversi Assessori produrrà l’auspicata spinta? Francamente ne dubitiamo, visto che oramai sono passati tre anni dall’insediamento della Giunta stessa.

Vogliamo parlare poi della Cultura, la cui delega è appena passata nelle mani dell’Assessore Pugliese al terzo cambio in tre anni?

Le forze di opposizione in Consiglio hanno periodicamente e puntualmente ribadito l’assenza di una programmazione adeguata per un settore fondamentale per la nostra città e il nostro  territorio, in termini di qualità della vita e per le ricadute economiche che può produrre .

La neonata Fondazione del Santa Maria della Scala, sulla quale tanti ancora sono i dubbi sia economici che organizzativi,  ha bisogno di cominciare a lavorare a pieno regime, con una vera programmazione di eventi culturali all’altezza di questa grande Istituzione e dovendo ancora risolvere la grande partita dell’assegnazione del servizio di biglietteria unica, un bell’impegno per il nuovo Assessore che  deve partire dall’inizio in un nuovo ennesimo assessorato.

A questo proposito poniamo un interrogativo: é giusto usare la cultura, fonte di reddito imprescindibile per la città, in un momento di crisi della stessa, per appianare diatribe interne, ridistribuendo deleghe tra gli assessori come fossero figurine Panini ?

Nonostante il caldo e un ferragosto ancora senza Palio, la nostra attenzione su questi temi è e resterà viva.

Associazione In Campo

 

Galleria Fotografica

Web tv