SIENA NOTIZIE NEWS

IL PROGRAMMA DELLA QUARTA EDIZIONE DEL FESTIVAL DI PASQUA A MONTEPULCIANO

News inserita il 15-04-2019

Giunto alla sua quinta edizione, torna il Festival di Pasqua a Montepulciano, che quest’anno si svolgerà dal 20 aprile al 4 maggio, sempre nei finesettimana. Ideatrice e motore del Festival è Eleonora Contucci, cantante lirica proveniente da una delle più antiche famiglie poliziane.

Come è ormai una tradizione, il finesettimana di Pasqua sarà dedicato al Barocco con tre concerti dell’ensemble d’archi di Zurigo “i baroccoli” sotto la direzione di Damiano Giorgi con i solisti Irené Fiorito al violino, Diego Chenna al fagotto, Pascal Suter al flauto dolce e il soprano Eleonora Contucci: sabato 20 alle 18 a Sarteano al Teatro degli Arrischianti, domenica 21 alle 21 a Chiusi nella Concattedrale di San Secondiano e lunedì 22 alle 17 a Montepulciano nella Chiesa del Gesù. In programma musiche di Vivaldi, Bach, Telemann, Rameau, Handel e Brescianello.

Nel secondo finesettimana torna un altro appuntamento abituale del Festival: quello con le conferenze. Venerdì 26 aprile alle 18 presso il Museo Civico di Montepulciano si terrà il primo dei due appuntamenti con “I venerdì al Museo”: quest’anno le conferenze del Festival, pur svolgendosi in un tempio delle arti figurative, per la prima volta saranno dedicate alla musica. Carlo Cavalletti, docente di Storia della Musica al Conservatorio di Perugia e direttore organizzativo del Festival, guiderà il pubblico in un viaggio in due puntate alla scoperta di “Bach e il suo tempo”, coadiuvato da due giovanissimi talenti del violoncello e del violino, Maria Salvatori (26 aprile) e Daniele Dalpiaz (3 maggio), che eseguiranno estratti dalle Suitesper violoncello e dalle Sonate e Partite per violino del compositore tedesco. Le due conferenze-concerto dei “Venerdì al Museo” saranno seguite da una degustazione del Vino Nobile di Montepulciano Contucci.

Sabato 27 aprile alle 18 il Salone di Palazzo Contucci ospiterà due protagonisti del concertismo italiano: il pianista Maurizio Baglini e la violoncellista Silvia Chiesa che tornano a Montepulciano dopo il successo ottenuto al Cantiere del 2006. Vivace e variegato il programma, con 4 Sonate di Scarlatti, la Terza Suite per violoncello di Bach e un raro gioiello: la romantica Sonata per violoncello e pianoforte della compositrice croata Dora Pejačević, vissuta a cavallo fra Otto e Novecento, e attualmente oggetto di una autentica riscoperta da parte del mondo musicale.

Due gli appuntamenti di domenica 28 aprile. Alle 19:30 nella Sala Master di Palazzo del Capitano, prosegue la collaborazione con Amnesty International, a riprova dell’impegno che il Festival fin dai suoi inizi pone nel coniugare le bellezze della musica, delle arti e della cultura con la realtà sociale in cui viviamo. Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, parlerà su un tema attualissimo quanto importante: “La libertà di informazione riguarda tutti noi”.

Sempre domenica 28 alle 21:15 al Teatro Poliziano un concerto piacevole ed emozionante che avrà come protagonista uno dei più importanti e acclamati solisti di bandoneón al mondo, Fabio Furia, con Walter Agus al pianoforte: “Contemporary Tango”, un viaggio nelle atmosfere di questo trascinante ritmo argentino da Astor Piazzolla ad oggi.

Nell’ultimo finesettimana del Festival, dopo la seconda conferenza-concerto di Carlo Cavalletti dedicata a “Bach e il suo tempo” (venerdì 3 maggio alle 18 al Museo Civico), sabato 4 maggio alle 18 presso il Salone di Palazzo Contucci si terrà il concerto di chiusura. Protagonisti il giovane ma già affermatissimo pianista russo Nikolay Khozyainov (che tre anni fa tenne un sensazionale recital al Festival di Pasqua culminato con la richiesta di 6 bis da parte del pubblico) e il direttore artistico Eleonora Contucci in un programma originalissimo e di grande effetto: in apertura Khozyainov suonerà musiche di Chopin e un brano di Michele Dall’Ongaro, fra i principali compositori di oggi, poi i due artisti suoneranno insieme alternando celebri arie dalla Carmen, Madama Butterfly e Le nozze di Figaro con le virtuosistiche fantasie che grandi pianisti come Liszt, Busoni e lo stesso Khozyainov hanno dedicato loro.

Il Festival di Pasqua si avvale quest’anno di una collaborazione ancora più stretta con il Comune di Montepulciano, e dell’appoggio dei Comuni di Sarteano e di Chiusi, della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte, dell’Accademia Europea di Palazzo Ricci, della Cantina Contucci, della Pro Loco di Montepulciano, del Museo Civico di Montepulciano e di Amnesty International Italia.

 

Galleria Fotografica

Web tv