SIENA NOTIZIE NEWS

GHIVIZZANO CORSARO AL CARLO ANGELETTI, PRIMA SCONFITTA PER LA SINALUNGHESE

News inserita il 08-10-2018

 

Sinalunghese-Ghivizzano 0-4

SINALUNGHESE (4-3-1-2): Marini; Chioccioli, Rizzo, Menchetti, Fanetti; Cerofolini (35’ st Malentacchi), Montagnoli, Mancini (1’ st Lucatti); Adamo; Vasseur, Mencagli (20’ st Capogna). A disposizione: Bakaj, Quero, Calveri, Bruschi, Chiasserini, Barbagli. All. Fani.

GHIVIZZANO (4-3-3): Sottoriva, Borsotti, Dell’Orfanello, Noè, Maccabruni; Diana (44’st Marigliani), Marino, Ghini; Ortolini (37’ st Paccagnini), Frugoli (46’ st Micchi), Chianese (40’ st Tagliavacche). A disposizione: Petroni, Gargano, Lecceti, Borgioli, Presicci. All. Pagliuca.

ARBITRO: sig.ra Bianchi di Prato (assistenti De Capua di Nola e Castaldo di Frattamaggiore)

RETI: 8’ st Marino, 12’ Ortolini, 27’ Noè, 49’ Micchi

Ammoniti: Borsotti e Noè per gioco scorretto  

 

Prima sconfitta in Serie D per la Sinalunghese, arrivata in casa contro un super Ghivizzano che dopo la buona prova con il Tuttocuoio che non aveva però portato alla vittoria ha trovato 3 punti meritati.

Uno 0-4 fin troppo pesante per i ragazzi di Fani, se si pensa che tutte e quattro le reti sono arrivate nel secondo tempo. In effetti, i rossoblù nel primo si erano fatti vedere più volte dalle parti di Sottoriva, prima con Mencagli e poi, soprattutto, con Fanetti, che sfruttando una punizione perfetta di Adamo da pochi passi ha costretto il numero uno ospite al miracolo.

A fine primo tempo si fa vedere anche il Ghivizzano dalle parti di Marini, ma Menchetti è bravissimo a intercettare un cross insidioso di Dell’Orfanello che aveva scambiato con Chianese sulla fascia destra. Non un pericolo così grande, ma è il preludio al secondo tempo, in cui gli uomini di Pagliuca rientrano in campo motivati mentre la Sinalunghese sembra non scendere in campo.

Infatti è il numero 10 Frugoli ha flirtare col vantaggio, accarezzando il palo con una punizione quasi perfetta: è il preludio all’uno-due fatale per la Sinalunghese, che tra l’8’ e il 12’ della riprese subisce le reti prima di Marino e poi di Ortolini, che suggellano il doppio vantaggio ospite.

La Sinalunghese prova a reagire, prima con Lucatti e poi con Mencagli, che prima tenta di dimezzare lo svantaggio e poi, purtroppo, si infortuna ed è costretto a uscire: si teme qualcosa di grave per il giovane attaccante ex Sansepolcro, dolorante ad un ginocchio. A metà ripresa, con la Sinalunghese riversata in avanti, arriva lo 0-3 del Ghiviborgo con Noè, che mette fine ai sogni di rimonta locali. Nell’ultimo quarto d’ora da segnalare solo tanti cambi e l’ultima rete degli ospiti, con il neo entrato Micchi, a partita praticamente conclusa.

Mister Fani fa i complimenti al Ghivizzano, ma sa che i suoi ragazzi potevano fare di più: “Un grande Ghivizzano, trovati in un momento di forma straripante. Andavano a duecento all’ora, il primo tempo abbiamo retto, ma il secondo lo abbiamo affrontato con un piglio diverso e loro ci hanno messo in grande difficoltà”.

Anche Calveri, il capitano della Sinalunghese tornato in panchina dopo un lungo periodo di recupero per colpa di una noiosa pubalgia, predica calma: “Non dobbiamo tornare coi piedi per terra, ci siamo sempre stati. Oggi è stata una brutta sconfitta ma contro una squadra di livello altissimo. Ci sarà da soffrire, non eravamo fenomeni prima e di certo non siamo scarsi oggi. Peccato per il secondo tempo, ma in settimana ci alleneremo per toglierci di dosso il pensiero di questa sconfitta”. Calveri sarà disponibile già dalla prossima partita, a Seravezza. “Adesso sto ufficialmente bene, sarà compito mio allenarmi al massimo per conquistarmi un posto da titolare”.  

 

 

Galleria Fotografica

Web tv