SIENA NOTIZIE NEWS

CONSULENZA AGRICOLA: DELEGAZIONE DELL'AZERBAIJAN IN VISITA A MONTERONI

News inserita il 12-06-2022

Si è svolta mercoledì 8 giugno una visita di studio di una delegazione dell'Azerbaijan nell’ambito di un progetto Twinning, o gemellaggio, dell’Unione Europea. Lo scopo del viaggio era quello di studiare il sistema di consulenza aziendale in agricoltura quale veicolo di informazione e innovazione per i nostri agricoltori: Il progetto è capitanato dal Ministero per le Politiche agricole (MIPAAF) e dall’IZSUN (istituto zooprofilattico dell’Umbria e delle Marche), che hanno guidato la delegazione composta dall’organo tecnico del Ministero dell'Agricoltura Azero (AXA), scegliendo come prima regione di studio la Toscana e poi il Veneto. Il primo incontro si è tenuto presso lo Studio Zari – Agronomi e Forestali - di Monteroni d’Arbia dove sono intervenute Fausta Fabbri dirigente della Regione Toscana e responsabile dei settori Consulenza, Formazione, Innovazione in Agricoltura che ha illustrato le misure del piano di sviluppo rurale che finanziano queste attività e Rosanna Zari, Presidente di TO.SCA, un organismo di consulenza aziendale costituito da dodici professionisti dottori agronomi e forestali, mostrando l’applicazione dei sistemi di consulenza pubblica e privata. In seguito la delegazione si è spostata ad Asciano per una successiva fase dimostrativa con visita a tre aziende agricole per mostrare le best practices dell’agricoltura senese.
Presenti un'azienda cerealicola, che applica la coltura di precisione, Azienda Baccoleno di Tonino Congiu, di Asciano, un'azienda di allevamento bovino razza chianina IGP, Azienda Casanova di Bartolo Conte sempre ad Asciano, e infine un'azienda risicola, Azienda Agricola Macereto del dott. De Andreis, a Murlo, unica presente nella provincia di Siena.
''L'obiettivo della visita - commenta Rosanna Zari - è stato quello di far conoscere agli ospiti azeri alcune buone pratiche nella fornitura di servizi di consulenza per gli agricoltori, fornendo esempi concreti in campo e elementi di programmazione per incrementare la produttività dei nostri terreni agricoli, che mai come ora si rende necessaria in quest’epoca di guerre e pandemie, ma in un’ottica di agricoltura sostenibile e resilienza ai cambiamenti climatici in corso.''
''Infatti la visita di aziende all’avanguardia - aggiunge Zari - che applicano sistemi di precisione, come guida satellitare, distribuzione di concimi e agrofarmaci solo dove e se necessario con grande risparmio di input chimici, utilizzo di sementi di specie resistenti alla siccità, risparmi energetici per le lavorazioni minime dei terreni, sono tutti elementi che consentono di mantenere alta la produzione e ridurre al minimo gli sprechi di prodotto e riducendo l’impatto ambientale.''

Data la similarità dal punto di vista climatico e nella tipologia di colture, e considerati gli ottimi rapporti sviluppati nel corso del Progetto Twinning, i funzionari azeri hanno espressamente richiesto di conoscere meglio l'esperienza in Italia dei servizi di consulenza. La realtà agricola azera è caratterizzata da una grande frammentazione , dato che circa l'80% delle aziende dispone di meno di 2 ettari.
Axa si trova nella fase, non semplice, di costruzione di un sistema nazionale di consulenza in Azerbaijan e dispone di uffici a livello territoriale che potrebbero essere utilizzati per fornire tali servizi agli agricoltori.
Di particolare interesse per gli ospiti azeri è l'esperienza maturata dai PSR nella programmazione 2007-2013 (M 114) e programmazione 2014-2020 (M 2) e per quanto riguarda Akis.
Nell'ambito del Progetto Twinning è stata già predisposta una possibile misura di sviluppo rurale per supportare i servizi di consulenza in Azerbaijan, che include il supporto per l'avvio dei servizi di consulenza, il supporto per la formazione dei consulenti e infine il supporto per usufruire degli stessi servizi di consulenza da parte delle aziende stesse di questo Paese che si trova tra il Mar Caspio, la Russia, l'Armenia e la Georgia. Un luogo lontano che ha deciso di prendere la nostra provincia e il nostro territorio a modello di pratiche che possano migliorare la produzione agricola e la sua gestione.

Annalisa Coppolaro

 

Galleria Fotografica

Web tv