SIENA NOTIZIE NEWS

BUONA LA PRESTAZIONE DEL FISCHIETTO PEROTTI IN SIENA-VITERBESE

News inserita il 11-03-2018


La tanto attesa sfida fra la Robur e la Viterbese Castrense non ha tradito le aspettative, è stata una gara di buon livello, veloce, molto corretta per lungo tempo, ben diretta dall’esperto fischietto lombardo Perotti di Legnano. Dotato di un fisico longilineo e molto atletico, lunghe leve, ha corso molto ed in stile disinvolto, si è spostato con intelligenza controllando molto spesso da vicino, ha lasciato correre i falletti di poco conto, quelli “mezzingoli”, ha preferito il dialogo, anche se con toni talvolta alti, ai cartellini, ha dispensato occhiatacce a chi andava a protestare, ha avuto la partita in pugno dal primo all’ultimo minuto. Lo abbiamo visto ben maturo e pronto anche per platee più importanti, questa era una “signora partita” e l’ha tenuta nei giusti binari con il minimo sforzo, avanti allora con la Serie B. La prima frazione di gioco è stata piacevole, i fischi sono stati ben pochi, Perotti ha corso con serenità controllando solo che non si esagerasse nei contrasti, che tutto scorresse nella regolarità, nella sana competizione gagliarda e null’altro. Al 32’, su un fallo abbastanza deciso su Iapichino è stata chiesta a gran voce l’ammonizione da un bel gruppetto di bianconeri, l’arbitro ha solo richiamato verbalmente facendo capire in modo chiaro che queste proteste “comulative” non gli piacevano affatto. Il 2t è stato a tratti simile al primo, a tratti molto diverso con poco giuoco, tante perdite di tempo, trovate “furbastre”, ripicche varie, cartellini sventolati meritatamente e puntualmente dal bravo arbitro lombardo. Al 4’ ci poteva stare un “giallo” per un giocatore bianconero per una maglietta viterbese troppo tirata, a centrocampo, ma Perotti ha preferito non “spendere” un’ammonizione per un’infrazione di poco conto e, secondo noi, ha fatto più che bene. Il primo giallo è scattato al 7’ per Rinaldi per un fallo da dietro sul vivace Vassallo, poi al 18’per il n.°2 della Robur Sbraga per un contatto deciso su Jefferson e, solo 1’ più tardi per un polemico Vassallo troppo plateale nel protestare per un mancato intervento dell’arbitro a favore della Robur. Poi, più o meno da questo momento, si è giocato sempre meno, si è perso tempo dalla parte dei bianconeri, si è cercato confusamente il pareggio da parte dei laziali, la difesa locale ha retto botta ed ha creato altre occasioni per arrotondare. Per Perotti non sono stati momenti semplici perché c’erano ripicche, c’erano contatti scorretti, c’erano polemiche ma lui non si è mosso di un centimetro dalle sue decisioni, non gli facevano né caldo né freddo, esigeva rispetto per le sue decisioni e ci è riuscito benone, con una certa personalità. Attenti anche i collaboratori Marchi e Saccenti su alcuni fg di rientro, partita controllata al meglio dalla terna designata da Giannoccaro, e non era affatto facile, bravi!

Claudio Agnelli

 

Galleria Fotografica

Web tv