SIENA NOTIZIE NEWS

PINACASTAGNAIO: FORZA ITALIA SOSTIENE IL SINDACO VAGAGGINI

News inserita il 20-11-2014

Per la prima volta dall’insediamento della nuova amministrazione comunale a Piancastagnaio, Forza Italia ha reso pubblico il sostegno a Vagaggini, chiarendo qual è la vera casa politica di appartenenza del sindaco. Vagaggini, all’inizio, non ha accettato questa “affiliazione”. Poi, evidentemente, chi l’ha candidato e votato gli ha fatto capire che, come erano venuti, quei voti e quei consiglieri sarebbero ritornati, appunto, a casa.

La lista dell’Orologio allargata a Forza Italia. Come volevasi dimostrare. La lista non si configura più solo come quella “dell’Orologio”, ma si allarga a Forza Italia. E’ positiva questa trasparenza che, del resto, noi avevamo già annunciato in campagna elettorale. Abbiamo sempre considerato le famose “referenze” e “conoscenze” romane di Vagaggini “fanfaluche” da campagna elettorale. A noi piace la rappresentanza popolare praticata nei Partiti; le liste civiche, momentaneamente vincenti, non sono alla lunga idonee a rappresentare gli interessi delle comunità.

Il nodo geotermia. Forza Italia ora, però, deve essere coerente con quello che ha concordato con noi nella precedente legislatura, a partire dalla Geotermia (le cui risorse arrivate ora sono alla base dell’azzeramento della TASI) e da Floramiata. Proprio sulla Geotermia Forza Italia, che ha approvato il protocollo d’intesa  ENEL – Istituzioni Toscane del 2008, dovrebbe sollecitare Vaggagini ad andare alle riunioni di gestione di quell’accordo; a velocizzare la bonifica dei siti geotermici (cominciando da PC2 che ha bloccato) a spiegare come intende ottenere quel “di più’” da Enel come promesso in campagna elettorale.

La questione Floramiata. C’è un ordine del giorno congiunto su Floramiata approvato dal nostro Consiglio Comunale e da quello Regionale nella scorsa legislatura sull’’Azienda. Forza Italia farebbe bene a ricordarlo al sindaco. Le nostre preoccupazioni sulla sua situazione economica pesante, inspiegabile, e ormai da troppi anni trascinata tra concordati, tribunali  e generale insoddisfazione. Una situazione non più sostenibile.

 

Galleria Fotografica

Web tv