SIENA NOTIZIE NEWS

SOUNDREEF, NUMERI DA CAPOGIRO MA SERVE UN PASSO AVANTI IN DIFESA

News inserita il 10-10-2017

L'attacco biancoverde sfonda il muro dei 100 punti sorretto da Turner e Ebanks. Domenica trasferta a Trapani

C’è un numero, 36, che meglio di ogni altra cosa evidenza la metamorfosi biancoverde tra la sconfitta di Casale Monferrato e la squillante affermazione di domenica scorsa contro Agrigento. Aveva faticosamente toccato quota 66 punti all’esordio, la Soundreef, ne ha esplosi 102 una settimana dopo: la differenza fa, appunto, trentasei e per quanto semplicistica sia un’analisi di raffronto sui soli dati offensivi dopo appena 80’ di campionato (oltretutto senza guardare in faccia alle differenti caratteristiche delle avversarie incontrate, al fatto di giocare in trasferta oppure in casa, senza alcun dubbio pure all’intossicazione alimentare che aveva mandato ko mezza squadra in Piemonte), il passo compiuto in avanti è nettissimo ed avvicina la Mens Sana all’idea di squadra divertente, per dirla alla Guido Bagatta, che col passare dei mesi potrà togliersi non poche soddisfazioni nel girone Ovest di serie A2.

Tirare col 56.5% dal campo, come avvenuto domenica scorsa, salvo rarissime eccezioni vuol dire mettere in banca i due punti, ma è sul come si arriva a quel 56.5% di realizzazione che è interessante concentrarsi per comprendere le dinamiche di crescita della squadra allenata da Giulio Griccioli.  La coppia di Usa, Turner e Ebanks, ha fatturato 48 punti tirando complessivamente 17 su 22 da due, un dato magari non sempre ripetibile ma comunque nelle corde degli stranieri che il club di viale Sclavo ha messo sotto contratto, non a caso, per compiere un salto di qualità rispetto al passato: Turner è un giocatore che ama toccare tanti palloni e finalizzarli, si accende e si spegne (soprattutto difensivamente) nel corso dei 40’ perché ancora non è al top della condizione fisica ma è il classico punto fermo che serve ad una squadra ricostruita su tanti nomi nuovi, ancor più alla ricerca di amalgama dopo l’uscita di scena di Cappelletti; nella doppia doppia (24 punti, 11 rimbalzi) di Ebanks incidono il talento e la capacità di attaccare il canestro, una dote quest’ultima che nello scout dell’ex losangelino è evidenziata dalla mole, già importante dopo due giornate, di falli ricevuti e gite in lunetta collezionate. In un’ottica di squadra, però, il dato che maggiormente impatta sui 102 punti segnati nel canestro di Agrigento sta scritto nella contemporanea doppia cifra di Sandri, Casella e Saccaggi e, ancor più, nella qualità complessiva dei 69 tiri presi dalla Soundreef durante il match disputato al PalaEstra: merito dei penetra e scarica che una settimana prima erano mancati e che invece Saccaggi (ma pure Sandri, autore di una prestazione super a tutto campo) è riuscito a produrre regalando tiri aperti, ad esempio, anche a Lestini e Masciarelli, quest’ultimo senza dubbio una lieta sorpresa per tutto l’ambiente biancoverde.

Non solo rose e fiori nel +21 sulla Moncada. La difesa senese, ad esempio, solo a tratti ha prodotto ciò che le si chiede per essere competitiva in entrambe le metà parquet: il lavoro di Griccioli e del suo staff è ancora allo stato embrionale, si intravedono disponibilità abbastanza diffuse all’aiuto ed a sbucciarsi ginocchia e gomiti, ma certo la Soundreef di oggi è una squadra che la propria mentalità ed attitudine difensiva deve ancora costruirsele. In questo, la palestra e la possibilità di allenarsi a piene rotazioni sono la miglior ricetta prescrivibile. Anche sulla strada, lunga e complessa, che porta a Trapani.

Matteo Tasso - foto da profilo fb Mens Sana Basket 1871

 

Galleria Fotografica

Web tv