SIENA NOTIZIE NEWS

LA VIRTUS CHIUDE ALLA GRANDE L'ANDATA. COSTONE KO ALL'OVERTIME

News inserita il 08-01-2018

La Befana rossoblù, arrivata nell'intervallo per portare i regali ai bambini del minibasket virtussino, ha portato anche due punti facili facili per la Virtus, vittoriosa sul fanalino di coda Synergy Valdarno per 87-62, in un match condotto senza problemi per tutti i 40'. Nel testa coda tra la prima e l'ultima della graduatoria, che segnava la fine del girone di andata di C Gold, i virtussini tornano al successo dopo il ko arrivato il 23 dicembre a Montale, ma soprattutto riscattando la sconfitta nella finale di Coppa Toscana arrivata giovedì a Firenze contro i padroni di casa del Pino Dragons.
La Sovrana si presenta senza l'infortunato Nepi e con Bianchi in quintetto. I primi minuti di gioco sono equilibrati: ma dopo il 4-3 iniziale la Sovrana allunga. Capitan Bianchi e Imbrò portano la Virtus sul 15-7, mentre Simeoli e Olleia fanno il resto consentendo ai senesi di portarsi al primo riposo sul 25-12. La vena realizzativa rossoblù prosegue anche nel secondo periodo, dove oltre ad una fase offensiva molto buona arriva la consueta difesa virtussina. I ragazzi di Tozzi permettono agli ospiti di segnare solamente 2 punti in 5', volando sul 35-14 con i punti di Imbrò, Pucci e Olleia, che consentono a Tozzi di ruotare già in avvio gran parte del suo roster. All'intervallo lungo la Sovrana Pulizie è avanti 47-22. All'inizio del terzo quarto arriva il parziale che archivia il match con molti minuti ancora da giocare. Bianchi e Imbrò piazzano un 8-0 che porta i senesi sul 55-22. San Giovanni prova a rispondere e trova qualche canestro da fuori con Innocenti e Dainelli, accorciando sul 68-41 dopo che la Virtus aveva toccato il +34. Nel finale c'è spazio per tutti, con l'unico rammarico dell'infortunio a Ndour, che era entrato in campo in modo molto positivo. Un colpo rimediato in un occhio a 3' dalla fine costringe lo staff medico a trasportare il lungo classe 2000 in ospedale, sperando che tutto si risolva con qualche graffio. E' l'unico neo di un finale che vede i senesi chiudere sul punteggio di 87-62, e che consente alla Virtus di chiudere in testa alla classifica il girone di andata.

La Vismederi chiude l’anno perdendo di un punto a Montevarchi e inizia quello nuovo perdendo, ancora di 1 punto, contro Arezzo ai supplementari. La fortuna sembra proprio aver voltato le spalle ai gialloverdi, ma scout alla mano non tutto è imputabile alla dea bendata. Il dato più significativo infatti è rappresentato dalla voce ‘rimbalzi’: 38-52 per gli uomini di coach Delia, di cui 17 offensivi! L’assenza di Cessel (influenzato) è pesata enormemente, così come quella di Tognazzi; nonostante tutto il Costone ha fatto la partita fino all’ultimo, contro una compagine che non a caso occupa il 3° posto in classifica. Inizio di gara mal giocato dai ragazzi di Binella, con Arezzo che opta per una zona 2-3 mettendo in difficoltà gli esterni senesi. Poi, una volta trovato un buon assetto in campo, la Vismederi inizia a mettere la testa avanti, chiudendo all’intervallo con 9 punti di vantaggio. Che diventano 15 al 22’ (40-25) grazie alle percussioni del solito gagliardo Benincasa (mvp della gara con 31 di valutazione) e ai canestri di Bruttini, sempre tenuto sotto stretta sorveglianza dalle guardie amaranto. E’ qui che la Vismederi compie il grave errore di allentare l’intensità, soprattutto difensiva, lasciando così spazio alla rimonta ospite, capitanata da un Cutini davvero ispirato (28 punti per lui che valgono 32 di valutazione). Arezzo piazza così un parziale di 4-21 che in un… Amen riapre i giochi (44-46 al 28’). Manetti lotta bene ai rimbalzi, ma non è in serata al tiro (0/6), meglio invece Chiti che termina in doppia cifra trovando delle soluzioni di qualità. L’ultima frazione è uno stillicidio: Arezzo si porta sul 53-58 del 34’ e sembra avere il pallino della contesa in mano, grazie anche alle conclusioni di Gramaccia. Nelle battute finali dei regolamentari la Vismederi trova coraggio e grazie a una bomba da 3 di Benincasa acciuffa i supplementari. Nell’over time Arezzo va subito sul +5, trovando inoltre punti da sotto e dalla lunetta e controllando poi il vantaggio, senza che le bombe prima di Bonelli e poi di Bruttini abbiano però la giusta efficacia.

Nel prossimo turno le senesi saranno impegnate in contemporanea sabato alle 21.15: la Virtus ospiterà Valdisieve, seconda in classifica, nel big match della prima di ritorno; il Costone proverà invece a ritrovare il feeling con il successo contro il fanalino di coda Quarrata.

 

Galleria Fotografica

Web tv