SIENA NOTIZIE NEWS

ANCE FA IL PUNTO SU INFRASTRUTTURE NELLA PROVINCIA DI SIENA

News inserita il 01-08-2017

Il Presidente di Ance Siena Andrea Tanzini fa il punto sullo stato delle infrastrutture della nostra provincia: “L’apertura del viadotto sul Farma, atteso da oltre un decennio, rappresenta un importante risultato per il completamento del cosiddetto maxilotto di 12 chilometridella SGC E 78 due mari nel tratto Siena-Grosseto. Adesso l’ANAS dovrà assicurare l’appalto di lavori già finanziati e con progetti approvati dal CIPE riguardanti i lotti 4 e 9.Nel contratto di programma ANAS – MIT 2016-2020 è previsto anche il finanziamento del cosiddetto lotto “zero, cioè il raddoppio percirca 4 chilometri, di collegamento della tangenziale ovest di Siena fino allo svincolo di Siena Est Ruffolo, già oggetto di una convenzione stipulata il 27 luglio 2006 fra il Comune di Siena e l’ANAS, ricordata circa un anno fa, da Confindustria Toscana Sud e ANCE Siena all’ANAS e alla Regione Toscana, con richiesta di ripresa della progettazione, dopo la fornitura di vari studi e indagini per i quali si era impegnato il Comune di Siena.Queste sono le sottolineature riguardanti la due mari, maConfindustria Toscana Sud e ANCE Siena, pur prendendo atto che sono stati avviati importanti lavori di manutenzione straordinaria e nuove pavimentazioni nel raccordo autostradale Siena – Firenze e realizzato il by pass del Galluzzo, ricorda che nel marzo 2010, con contributo Fondazione Monte dei Paschi di 700 mila euro fu stipulata convenzione fra ANAS e Provincia di Siena per l’ampliamento della carreggiata da 15 a 20,30 metri con raddoppio del viadotto 8 archi, inserimento di piazzole di sosta, ulteriori allargamenti di carreggiata per garantire distanze di visibiltà ed adeguamento svincoli. Oggi il tratto Siena Nord – Badesse, circa 6 chilometri, dispone di un progetto definitivo per un importo di 39 Mln €, che in data 7 agosto 2012, ha ottenuto la compatibilità ambientale con decreto n. 433 del Ministero Ambiente, mentre per il tratto di 17 chilometri da Badesse a Poggibonsi per un importo di 120 Mln di euro fu annunciato «inserito nella programmazione ANAS» dall’ex Presidente ANAS nel 2012 proprio in occasione di una visita ai cantieri del viadotto sul Farma della Due Mari. Per questi due importanti interventi di effettiva messa in sicurezza e adeguamento ai volumi di traffico dell’autopalio, si sollecitano gli investimenti necessari e la prosecuzione delle progettazioni.

Confindustria Toscana Sud e ANCE Siena hanno appreso recentemente che è in consultazione presso le Regioni una bozza di DPCM per riaffidare all’ANAS alcune strade ex-statali. In provincia di Siena la bozza di DPCM riguarda la Cassia e la sp di Chianciano. C’è da augurarsi che questo passaggio avvenga nel più breve tempo possibile perché Regione e Provincia non hanno più risorse e strutture tecniche per far fronte alla critica situazione di ponti e viadotti, che richiedono interventi consistenti di manutenzione straordinaria e, nei casi più gravi, demolizione dell’esistente e ricostruzione di nuove opere (ponte sull’Ombrone nei pressi di Buonconvento, ponte sul fiume Orcia, nei pressi del bivio per Bagno Vignoni, sette viadotti, dal km 152+650 al km 161+100 della Cassia, viadotto Bussolaia nei pressi di Chianciano).

Infine una nota particolare sulla RETE FERROVIARIA che in provincia di Siena vede 306 chilometri di sviluppo complessivo su tracciati definiti e costruiti nella metà del XIX secolo! Sono stati annunciati investimenti per il raddoppio e l’elettrificazione di tutta la ferrovia centrale (km 28 da Poggibonsi a Siena e Km 85 da Siena a Chiusi, v. cap. 4 scheda 6 PRIIM Toscana) con eliminazione dei passaggi a livello. Nel tratto Granaiolo-Empoli è stata avviata la progettazione, si chiede al Governo assicurazioni sugli altri tratti, per dotare la provincia di Siena di una rete ferroviaria moderna e, soprattutto, per avere la garanzia di un collegamento rapido con il sistema Alta Velocità”.

 

Galleria Fotografica

Web tv